giovedì 4 marzo 2021

OBESITY DAY

LE REGOLE PER PERDERE IL SOVRAPPESO

L’obesità e il sovrappeso sono un una vera bomba a orologeria per la salute, soprattutto in tempi di Covid-19: oltre a contribuire in maniera importante all’insorgenza di numerose serie patologie come le malattie cardiovascolari e autoimmuni, il cancro e il diabete, l’obesità è anche un grave fattore di rischio per la mortalità da Coronavirus. Per questo, in occasione del World Obesity Day, Giornata Mondiale per la prevenzione dell'Obesità e del Sovrappeso che si celebra in tutto il mondo il 4 marzo, è importante ricordare che i chili di troppo vanno combattuti fin da piccoli e che ci sono alcune regole d’oro a cui rifarsi, per costruire uno stile di vita sano e attivo. 

QUALCHE DATO - L’obesità è una piaga mondiale e l’Italia fa la sua parte. Le ultime stime dell’OMS rivelano che sono sovrappeso oppure obesi il 50% degli adulti e il 30% dei bambini e adolescenti del Pianeta. In Italia sono 18 milioni gli adulti in sovrappeso (35,5%) e 5 milioni quelli obesi, ovvero una persona su dieci. Inoltre, 3 bambini su 10 (29,8%) sono in sovrappeso e fra questi 1 è obeso (9,4%). Fanno peggio di noi in Europa solo Cipro, Grecia e Spagna, quasi a parimerito con noi italiani. La Call to Action per la prevenzione arriva da Fondazione Valter Longo Onlus, la prima in Italia dedicata a garantire a tutti, in particolare alle persone svantaggiate e in condizioni di povertà, una vita lunga e sana attraverso una corretta alimentazione e uno stile di vita salutare. 

I PERICOLI DELL’ADIPE - Ogni 2 secondi una persona tra i 30 e i 70 anni muore di una malattia cronica non trasmissibile, come le malattie cardiovascolari e autoimmuni, il cancro e il diabete, tutte patologie la cui insorgenza è favorita dallo stato infiammatorio cronico nei soggetti obesi. L’obesità predispone a patologie allergiche e, riducendo la sorveglianza immunitaria, aumenta il rischio di cancro e quintuplica la possibilità di sviluppare il diabete. Sovrappeso e obesità favoriscono, inoltre, l’insorgenza di malattie neurodegenerative, quali l’Alzheimer.  Alcuni recenti studi pubblicati da Obesity Reviews, la rivista medica ufficiale della World Obesity Federation, dimostrano inoltre che l’obesità è un importante fattore di rischio anche per la mortalità da Covid-19: le persone obese che hanno contratto il Coronavirus hanno avuto il 113% in più di probabilità di essere ospedalizzate, il 74% in più di essere ricoverate in terapia intensiva ed il 48% in più di morire, rispetto ai pazienti normopeso.

 IL VADEMECUM PER LE PERSONE OBESE:  -  1. Menù 100% vegetale (o quasi): adottare un’alimentazione il più possibile a base vegetale (legumi, ortaggi, frutta) e di pesce (2 o 3 volte a settimana), evitando quello ad alta percentuale di mercurio. Sì all’olio extravergine d’oliva.

2. Mangiare di più, non di meno, ma meglio: assumere ricche porzioni di pomodori, broccoli, carote, legumi, e inserire fagioli, ceci, piselli, come principale fonte di proteine. 

3.  Grassi e zuccheri: eliminare dal menù il junk food, gli zuccheri semplici e privilegiare alimenti ricchi di grassi insaturi, come salmone, noci, mandorle, nocciole. Sono da evitare i grassi idrogenati e trans, come quelli dei prodotti industriali e confezionati.

4. Consumare due pasti e uno spuntino: per mantenere o ridurre il peso è consigliabile uno schema alimentare 2 + 1: colazione, pranzo e spuntino alla sera oppure colazione, spuntino a pranzo e pasto principale alla sera. 

5. Mangiare nell’arco di dodici ore: fare colazione dopo le 8 e cenare prima delle 20, oppure consumare il primo pasto della giornata alle 9 e la cena prima delle 21. 

I BAMBINI – Anche i piccoli dovrebbero seguire uno schema di alimentazione bilanciata, per abituarsi subito a uno stile di vita sano. Le regole d’oro per loro sono uno schema alimentare fatto di tre pasti principali (colazione, pranzo e cena) più un paio di spuntini con alimenti ricchi di fibre per favorire un maggior senso di sazietà. Via libera a verdure e legumi in sostituzione di pane, pizza, pasta e patate. È consigliabile ridurre al minimo i grassi saturi e trans presenti in creme, formaggi, burro, salse, merendine e prodotti da forno, e proporre regolarmente, ma senza esagerare, olio extravergine di oliva, salmone, sardine, noci, mandorle e nocciole. Limitare il sale, mentre sono consentiti (con moderazione) il cioccolato fondente e il gelato alla frutta. Evitare la sedentarietà: i bambini e gli adolescenti devono dedicare almeno un’ora al giorno allo sport e al gioco attivo (pedalare, correre, camminare). 

 

Post in evidenza

ITALIA IN RIMONTA SULL’ALBANIA

BUONA LA PRIMA Albanesi avanti dopo 23", il pareggio all'11', il vantaggio azzurro 5' dopo. Nell'altra gara del girone ...