lunedì 3 maggio 2021

INTERVISTA A JESSICA MELENA

"HO UNA DIPENDENZA DA MIKADO"

di Chiara Zucchelli

Trent’anni e un fisico da urlo nonostante tre gravidanze. Anzi, grazie a tre gravidanze, perché Jessica Melena, moglie di Ciro Immobile e mamma di Michela, Giorgia e Mattia, non è solo bella. È radiosa. E la luce che ha dentro, inevitabilmente, si trasmette all’esterno. Si allena con un personal trainer e così brucia le calorie che si concede in più quando non rispetta una sana e corretta alimentazione. In sintesi: a Jessica piace la buona cucina e per questo preferisce qualche allenamento in più, magari in compagnia del marito, e qualche rinuncia in meno. In questa intervista racconta la sua routine, ma fa anche un appello (la domanda non era prevista): "Ragazze che avete appena partorito, nessuna di noi è perfetta. Prendetevi e prendiamoci il nostro tempo".

In cosa consiste il suo allenamento settimanale?

"Il primo allenamento è correre dietro a Mattia (due anni ad agosto, ndr). Inizia a scoprire il mondo e non sta mai fermo. Michela e Giorgia in questo mi fanno sudare meno, con loro è come fare stretching ormai. Poi cerco di mantenere un allenamento costante, 2 o 3 volte a settimana. Mi alleno con Carmine Menna in video-call, è un bravissimo personal trainer. Io ad esempio ho poco fiato quindi facciamo tanti esercizi per rinforzare i muscoli e per bruciare i miei sgarri".

Quali sono i cardini della sua alimentazione?

"Non ho mai seguito una dieta. Penserete: 'Sì dai non ci credo', ma è vero. Ho un metabolismo raro. Ovviamente non mi abbuffo, ma mangio sano. Tanto, spesso, ma sano".

Lo sgarro a cui non rinuncia?

"Ho una dipendenza da Mikado al cioccolato bianco".

Cucina lei a casa o Ciro? O avete qualcuno che vi aiuta?

"Cucino io, a volte Ciro, ci proviamo almeno".

Quando riapriranno le palestre cambierà, se cambierà, il suo allenamento?

"Vorrei tornare in palestra per potermi prendere un momento per me, anche se ormai tra elastici, pesi e qualche attrezzo il salotto si è trasformato in una perfetta sala fitness".

Le vostre figlie già fanno sport? E il piccolino ancora solo calcio a casa?

"Michela e Giorgia hanno scoperto l'equitazione e il tennis. Prima della pandemia facevano lezioni di danza e nuoto. Mattia invece calcia tutto quello che trova e urla 'Gol'".

È facile convincere suo marito ad allenarsi insieme quando lui si allena già con la squadra?

"Non ci alleniamo spesso insieme. Meglio per me" (ride, ndr)

Il suo corpo è cambiato con le gravidanze? Rimettersi in forma è stato difficile?

"All'inizio sì, ma sono fortunata perché ho preso pochi chili durante le gravidanze. Ho sempre cercato di muovermi e fare attività, ovviamente quando mi andava di farlo. Posso chiederle di scrivere una cosa?"

Prego.

"Voglio dirlo alle ragazze soprattutto, anche se sembra retorica. Dopo il parto nessuna di noi esce con la pancia piatta. Nessuna si sente in forma, anzi ci sentiamo sfatte per mesi. Ecco godetevelo. Perché in quel momento l'unica cosa a cui dovete pensare è la vostra creatura, appena nata e per la quale voi siete bellissime così. Rimettersi in forma, se di forma vogliamo parlare, deve essere un impegno ma anche un piacere. Non dovete farlo in una settimana. Metteteci un mese, un anno, ma fatelo senza rinunciare alla cose che vi fanno stare bene. Non ossessionatevi".

Meglio una cena fuori o un bell’allenamento?

"Vuoi mettere un'amatriciana contro 100 squat?"

C’è uno sportivo o sportiva con cui vorrebbe allenarsi?

"Quando ero bambina avrei sempre voluto prendere lezioni di danza da Carla Fracci".

È sempre stata una persona sportiva?

"Ho sempre ballato, fin da piccola, era il mio sogno. Poi mi sono sempre tenuta in movimento. Allenarmi mi aiuta a sfogare, a dedicarmi del tempo e a concedermi qualche vizio in più".

 

Post in evidenza

LO SPORT IN MANI INCOMPETENTI

ASSURDO! JACOBS E TAMBERI FUORI DALLA NOMINATION DEGLI ATLETI DELL'ANNO Se dovessimo scegliere una foto simbolo per festeggiare questo 2...