domenica 19 settembre 2021

L'ISOLA DEL TESORO

ECCO DOVE SI TROVA

Una lettera testamento datata 21 settembre 1821 e riconosciuta autentica, scritta da Antonio Basciana (aiutante da campo di Gioacchino Murat, re di Napoli e generale di Napoleone) ha rivelato che a Modigliana, piccolo borgo in passato appartenuto al Granducato di Toscana e ora in provincia di Forlì-Cesena, potrebbe esserci un tesoro mai scoperto. La missiva era indirizzata e arrivò per posta a Carlo Liverani, imprenditore di Modigliana. Adesso, dopo 200 anni, è finita nelle mani di Alessandro Liverani, 55enne, suo discendente.

L’incredibile storia del tesoro nascosto a Modigliana

Come riporta ‘Quotidiano.net’, nella lettera, Antonio Basciana ha confidato che, dopo la battaglia di Tolentino (avvenuta nel maggio 1815), Gioacchino Murat, in fuga dagli astro-ungarici, gli consegnò un terzo del suo tesoro affinché lo custodisse nascondendolo. L’aiutante di campo ha poi scritto al modiglianese Carlo Liverani di essere fuggito verso la Toscana e di aver occultato i preziosi “in quella vostra vicinanza”, cioè nei pressi di Modigliana, sulle colline tra Forlì e Faenza. Non è tutto: Basciana ha rivela anche: “E dopo di aver ciò fatto, mi notai appuntino tutti li precisi segni…”. Ma di che tesoro parliamo? “2 libbre circa di perle orientali e brillanti sciolti richiusi dentro 10 scatole d’oro, 7 anelli di grossi brillanti, altri 16 anelli tra rubini, smeraldi e topazi contornati da brillanti, 6 rarissime ripetizioni d’oro, 2 dozzine di posate d’oro, circa 8mila monete d’oro grosse di diversa specie”. Quando ad Antonio Basciana fu diagnosticata l’imminente morte, ormai 200 anni fa, confessò a un religioso di aver sotterrato un tesoro. Fu proprio il sacerdote, tale don Gaudenzio Generosoli, a suggerire di nominare erede speciale una persona da lui ben conosciuta, cioè Carlo Liverani, vincolato a rispettare le volontà espresse nella missiva.

Una parte del tesoro di Gioacchino Murat è stata trovata nel 2014 nel castello di Pizzo Calabro, in provincia di Vibo Valentia, in Calabria, durante i lavori di messa in sicurezza dell’edificio. In quell’occasione nella cella di Murat fu scoperta una botola che nascondeva da secoli i preziosi. Un terzo del totale, però, come rivelato da Basciana nella lettera, sarebbe stato sepolto in Romagna. Il nascondiglio è stato dettagliatamente indicato solo in una seconda lettera, indirizzata sempre a Carlo Liverani, ma consegnata al padre confessore. Avrebbe dovuto farla recapitare attraverso un suo parente cavaliere che viveva a Roma, ma non giunse mai a destinazione, anche perché non si sa se Carlo Liverani abbia mai risposto alla prima missiva.

 

Post in evidenza

EUROPEI DI ATLETICA

DALLAVALLE ARGENTO NEL TRIPLO Si tinge d'azzurro la finale del salto triplo agli Europei di atletica a Monaco. Andrea Dallavalle conquis...