giovedì 9 settembre 2021

PATTINAGGIO DI FIGURA

A BERGAMO SCATTA LA STAGIONE OLIMPICA

di Andrea Buongiovanni (fonte Gazzetta dello Sport)

La stagione olimpica del pattinaggio di figura scatta da Bergamo. Sarà la prestigiosa pista di Icelab, infatti, con il 13° Lombardia Trophy-Memorial Anna Grandolfi, che torna dopo un anno di stop causa Covid, a ospitare da venerdì a domenica la prima di dieci tappe delle Challenger Series Isu 2021, il secondo circuito della federazione internazionale. L’appuntamento, sulla strada che porta ai Giochi di Pechino del febbraio prossimo, assume dunque – anche simbolicamente - una valenza particolare. Sul ghiaccio, tra 116 atleti in rappresentanza di 29 Paesi, numerose stelle del panorama italiano e mondiale. Per alcune sarà anche un’occasione di verifica verso il Nebelhorn Thophy della tedesca Oberstdorf, in calendario tra due settimane, ultima possibilità di qualificazione a cinque cerchi. Per tutte la possibilità di provare e mostrare i nuovi programmi scelti per la stagione.

GLI ITALIANI—È chiaro che le maggiori attenzioni del pubblico (per questioni sanitarie in tribuna sarà permessa la presenza di un terzo della capienza dell’impianto), cadranno sugli atleti italiani, con il debutto stagionale di diversi big. In campo maschile l’uomo da battere sarà Daniel Grassl: il 19enne altoatesino, vincitore degli ultimi tre titoli nazionale e quarto agli Europei 2020, torna al Lombardia dopo il terzo posto junior 2015. Nel programma corto presenterà Nurayev, nel libero pattinerà su musiche tratte dalle colonne sonore di Interstellar e di Armageddon. Tra le donne spazio alla 18enne trentina Lara Naki Gutmann, tricolore in carica alla quale, presumibilmente, spetterà l’onore e l’onere di rappresentare il movimento femminile azzurro a Oberstdorf a caccia di quel pass olimpico che all’Italia ancora manca e alla 16enne varesina Ginevra Negrello, reduce da un decimo posto nella seconda tappa del Grand Prix junior 2021 nella francese Courchevel. Nelle coppie e nella danza toccherà ai più esperti e blasonati: Nicole Della Monica-Matteo Guarise (nel corto musiche dei Beatles, per il libero Saturn) e Charlene Guignard-Marco Fabbri (un Blues per la prima parte di gara), rispettivamente vincitori degli ultimi sette e degli ultimi sei titoli italiani, tandem entrambi a caccia della terza partecipazione olimpica (Nicole della quarta). Insieme a loro, in un caso, Rebecca Ghilardi-Filippo Ambrosini e Sara Conti-Niccolò Macii, che a Bergamo si allenano e nell’altro Carolina Moscheni-Francesco Fioretti (a loro volta poi attesi al Nebelhorn per cercare un’eventuale seconda carta per i Giochi) e Carolina Portesi Peroni-Michael Chrastecky.

GLI STRANIERI—In campo internazionali fari sullo statunitense Tomoki Hiwatasgi, iridato junior 2019, sul connazionale Yaroslav Paniot e sul georgiano Morris Kvitelashvili, bronzo europeo in carica. Tra le donne la favorita sarà la statunitense Alysa Liu, bronzo mondiale junior 2019 alla “prima” sulla scena senior con la svizzera Alexia Paganini, reduce da un cambio di guida tecnica (da Stephane Lambiel a Gheorghe Chiper), possibile outsider, mentre nella danza saranno da seguire i canadesi Laurence Fournier Beaudry-Nikolaj Sorensen. La gara delle coppie d’artistico non sarà invece valida ai fine delle Challenger Series.

IL PROGRAMMA—Il programma Il programma, molto fitto e tutto in diretta su Idelweb.tv, prevede venerdì il corto delle donne (ore 11 e degli uomini (ore 15.30), sabato la Rhythm Dance (ore 11.15), il libero femminile (ore 14.15) e il corto delle coppie (ore 19.50) e domenica, in chiusura, il libero degli uomini (ore 12), della danza (ore 16) e delle coppie (ore 19.35).


 

Post in evidenza

SU INSTAGRAM SPOPOLIAMO

NON SOLO SPORT   Entra a far parte della community più bella d’Europa. Collaborazioni , opportunità di conoscenze e tanto altro ancora. Con ...