martedì 21 dicembre 2021

ATTIMO FUGGENTE

IMPARATE A PENSARE CON LA VOSTRA TESTA

testo di Walt Whitman 

Oh me! Oh vita! Di queste domande che ricorrono,

Degli infiniti cortei di infedeli, di città gremite di stolti,

Di me stesso che sempre mi rimprovero, (Perché chi più stolto di me, chi più infedele?)

Di occhi che invano bramano la luce, degli scopi meschini, della battaglia sempre rinnovata,

Dei poveri risultati di tutto, delle sordide folle ansimanti che vedo intorno a me,

Degli anni inutili e vuoti del resto, io intrecciato col resto,

La domanda, ahimé!così triste, ricorrente

-Cosa c’è di buono in tutto questo, o me, o vita?

Risposta:

Che tu sei qui – che la vita esiste, e l’identità,

Che il potente spettacolo continua, e tu puoi contribuirvi con un verso.

 

Post in evidenza

IL LIBRO

IL PESO DELLA VERGOGNA In soli tre mesi Annabella è rimasta completamente orfana, perdendo prima i genitori, in un incidente stradale, e poi...