martedì 25 gennaio 2022

BERRETTINI CUORE E MARTELLO

SUPERA MONFILS IN CINQUE SET ED ORA AFFRONTERA' NADAL IN SEMIFINALE

di Federica Cocchi (fonte Gazzetta dello Sport)

L'uomo nero esiste. È un gigante buono che ha un braccio potente e un cuore gigante. Si chiama Matteo Berrettini e oggi, in match incredibile, agguantato quando tutto sembrava perso, ha battuto Gael Monfils in 5 set 6-4 6-4 3-6 3-6 6-2 e ha agguantato la terza semifinale di un grande Slam in carriera.

ORA C'È RAFA— Era il remake del quarto di finale allo Us Open 2019, una battaglia durata tre ore e mezza e vinta dal nostro, alla prima esperienza su un grande palcoscenico. "Stavolta sarà diverso, sono cresciuto, maturato" diceva il romano prima della battaglia. E infatti, nei primi due set è lui che comanda, un match che appare quasi una formalità. Fino a metà del terzo set, quando Berrettini ha un calo, subisce un break e si spalanca il vuoto sotto i suoi piedi. Un vuoto che lo inghiotte, gli succhia le energie fisiche e mentali e lo conduce a a un passo dalla sconfitta. ma la differenza tra un bravo giocatore e un campione è tutta in quel passo, che Matteo fa, ma indietro. Salvandosi dal baratro. Ora un altro dejà vu: la semifinale contro Rafa Nadal, proprio come allora, nel 2019. Anche il maiorchino arriva da una lunga battaglia di 4 ore in cinque set con Shapovalov, ha un piede acciaccato, ma resta sempre il campione di 20 titoli Slam, uno dei più grandi di sempre.

 

Post in evidenza

INSTAGRAM

NON SOLO SPORT Entra a far parte della community più bella d’Europa. Collaborazioni gadget e pubblicità. Segui e fai seguire @non_solo_sport...