giovedì 27 gennaio 2022

COPPA D'AFRICA

GUINEA EQUATORIALE ED EGITTO AI QUARTI

di Matteo Lignelli (fonte Gazzetta dello Sport)

pettacolo no, equilibrio sì. Costa d’Avorio-Egitto agli ottavi di Coppa d’Africa può essere considerata una finale anticipata, e infatti servono i rigori per deciderla. E un grande campione come Salah. Il quinto tiratore e l’eroe della serata. Il Faraone per eccellenza, quello con la F maiuscola, che non sbaglia l’ultimo rigore, decisivo dopo l’errore di Bailly, l’unico della Costa d’Avorio. Domenica ai quarti c’è il Marocco. Torna a casa la Costa d’Avorio del milanista Kessie e di Boga, una delle favorite. Ma se il nuovo acquisto dell’Atalanta gioca la ripresa e i supplementari, il centrocampista rossonero esce dopo nemmeno mezzora a causa di un problema al fianco sinistro. Nessuna reti e calci di rigore anche nell’altro ottavo di finale, l’ultimo rimasto, in cui la Guinea Equatoriale riesce a portare il Mali fino ai supplementari e poi lo batte ai rigori, dove l’errore decisivo è di Sacko.

GLI ACCOPPIAMENTI—Definito l’intero tabellone dei quarti di finale della Coppa d’Africa. Si inizia sabato alle 17 con Gambia-Camerun e alle 20 Burkina Faso-Tunisia. Domenica, stessi orari, prima Egitto-Marocco poi Senegal-Guinea Equatoriale.

COSTA D’AVORIO-EGITTO 4-5 D.C.R.—Nessun gol, nemmeno ai supplementari, tra due delle squadre più attese del torneo. Con l’equilibrio che dura fino ai rigori, dove è l’Egitto a non sbagliare niente. A differenza di quanto si è visto durante la partita, che inizia con le due squadre abbastanza lunghe e tanti falli che spezzano il ritmo di gioco. Del resto, la sfida vale tantissimo. Una tensione che si manifesta pure in zona gol, dove le occasioni non sono mai clamorose. La prima arriva all’improvviso sui piedi di Marmoush, che sfrutta un rinvio sbagliato e calcia benissimo da fuori, ma il suo destro a giro si schianta sulla traversa. Poco dopo ci ritenta Salah con un sinistro troppo centrale per dare problemi a un ottimo Sangaré. La Costa d’Avorio, invece, si prende il suo spazio a ridosso dell’intervallo, prima con Sangaré (quello del Psv, che gioca a centrocampo) in mezza rovesciata, e infine con Haller. L’attaccante dell’Ajax non fa la sua miglior partita, però va vicino alla rete in un paio di occasioni. L'ultima al 78’, quasi alla fine di una ripresa che non si discosta troppo dalla trama della prima metà. Il suo colpo di testa su calcio d’angolo, però, viene parato da El Shenawy. Nemmeno i cambi servono a qualcosa. I faraoni alternano Marmoush con Trezeguet (subito una chance); nella Costa d’Avorio si vedono Zaha e Boga. I due si piazzano insieme a Pépé alle spalle di Haller nel 4-2-3-1 disegnato da Beaumelle. All’83’ El Shenawy deve subito intervenire proprio su Zaha, poi si fa male e chiede il cambio per un problema muscolare. Ai supplementari squadre troppo stanche per farsi male davvero.

MALI-GUINEA EQUATORIALE 5-6 DCR—Altra gara, stesse – misere - emozioni. La partita inizia forte, poi resta bloccata come la precedente. Potrebbe essere d'aiuto un rigore, ma la caduta in area di Doumbia, dopo un doppio contatto in area con Ndong e Miranda, è solo una simulazione, come conferma il viaggio dell'arbitro alla Var. In ogni caso è il Mali, tra le due, che prova a costruire qualcosa in più. A inizio ripresa potrebbe anche segnare se non fosse che Camara, servito davanti alla porta da Bissouma, si mangia un gol facile facile. Dovrebbe solo spingere la palla nella rete, col portiere defilato, invece la spara in curva. Al 70’, allora, il tecnico Magassouba ci prova con i cambi, lanciando Djenepo del Southampton al posto di Adama Traoré dello Sheriff. Già in quei minuti l’assedio del Mali è praticamente totale, senza che la Guinea Equatoriale cada mai. Anzi, un paio di volte riesce a spaventare gli avversari in contropiede. Lo stesso succede ai supplementari, di nuovo senza reti. Ma ai rigori la resistenza della Guinea Equatoriale viene premiata. Nsue sbaglia il primo, però si va avanti ad oltranza fino all’ottavo giro e a quel punto la nazionale di Juan Micha firma un altro capolavoro.

 

Post in evidenza

INSTAGRAM

NON SOLO SPORT Entra a far parte della community più bella d’Europa. Collaborazioni gadget e pubblicità. Segui e fai seguire @non_solo_sport...