martedì 25 gennaio 2022

IL RICORDO

GIORGIO GABER OMAGGIATO DA GOOGLE

Il 25 gennaio del 1939 nasceva a Milano Giorgio Gaberščik, per tutti Giorgio Gaber. Cantautore, per quanto la definizione sia per lui assolutamente riduttiva, che ha segnato il Novecento della cultura popolare italiana e le cui composizioni brillano ancora oggi per intelligenza, acume e capacità di entrare nella società e nei costumi, molto spesso mettendone a nudo limiti e ipocrisie. Google ha voluto celebrare la ricorrenza dedicando a Gaber un doodle. Se negli anni 60 ha lasciato il segno con canzoni come "La ballata del Cerutti", "Porta Romana", "Torpedo blu", "Non arrossire", "Goganga" e "Come è bella città", con l'inizio degli anni 70 ha trasferito la sua attività principalmente in teatro. Con i suoi spettacoli scritti in coppia come Sandro Luporini ha creato un genere, quello del teatro canzone, preso ad esempio ancora oggi da moltissimi attori e cantautori che vedono in lui un modello di riferimento. Tra i titoli più celebri "Dialogo tra un impegnato e un non so", "Far finta di essere sani", "Polli d'allevamento" e "Io se fossi Gaber". Il Signor G, come veniva soprannominato, è morto l'1 gennaio del 2003.

 

Post in evidenza

ROLAND GARROS FEMMINILE

CAMILA GIORGI ANNIENTA LA SABALENKA  Camila perde di misura il primo set poi dilaga contro la bielorussa. Sulla strada dei quarti affronterà...