venerdì 11 marzo 2022

FARMACO ANTI INFARTO

DAL MONZINO DI MILANO PARTE LO STUDIO

Parte al Centro cardiologico Monzino di Milano, con i primi tre pazienti, la sperimentazione sul cosiddetto futuro "vaccino" anti-infarto, somministrato due volte l'anno. Lo studio coinvolgerà oltre 10mila pazienti nel mondo. L'obiettivo è, dunque, dimostrare che Inclisiran, il nuovo farmaco di Novartis che non è propriamente un vaccino, ma che è stato definito così dal padre della cardiologia moderna Eugene Brauwnwal per la sua capacità di ridurre fortemente un fattore di rischio strategico dell'infarto, è in grado di ridurre il pericolo di eventi cardiovascolari gravi, come infarto e ictus, dimezzando i livelli di colesterolo "cattivo" LDL-C.

"E' noto come l'LDL-C giochi un ruolo chiave nello sviluppo e la progressione delle malattie cardiovascolari e aterosclerotiche ed è dimostrato che, abbassandone i livelli nel sangue, si ottiene una riduzione della loro incidenza e della mortalità", spiega Piergiuseppe Agostoni, direttore del Dipartimento di Cardiologia Critica e Riabilitativa Monzino. "Un effetto che è ancora più importante nei soggetti più a rischio, come chi ha già sperimentato nella sua storia un evento cardiovascolare (infarto e ictus). Sono proprio questi i pazienti su cui si focalizza questo studio - aggiunge - ad oggi, infatti, pur avendo a disposizione un'ampia gamma di farmaci anticolesterolo, tra cui le note statine, i target di LDL-C desiderabili per ridurre il rischio di recidive sono spesso difficili da ottenere".

"Inclirisan - afferma - è il primo farmaco di una nuova classe che, in studi clinici precedenti, ha già dimostrato di poter abbassare del 50% i livelli di LDL-C sia in pazienti con malattia cerebrovascolare (Cevd) che in pazienti con malattia polivascolare (Pvd).

 

Post in evidenza

EUROPEI UNDER 19

SPAGNA BATTE ITALIA AI SUPPLEMENTARI  Triplice fischio al 120’. La Spagna vola in finale: decide Fortuny.