sabato 18 giugno 2022

TENNIS ATP LONDRA

BERRETTINI IN FINALE

di Federica Cocchi (fonte Gazzetta dello Sport)

Come brilla l'erba di Matteo Berrettini, sempre più verde, giorno dopo giorno. Un'operazione alla mano che l'ha tenuto fuori 84 giorni, un titolo 250 a Stoccarda al rientro e, adesso, la finale del Queen's di cui è campione in carica. Il romano, che sul manto verde non perde dalla finale di Wimbledon 2021, non delude nemmeno contro l'olandese Botic Van de Zandschulp, forse il più erbivoro dei rivali affrontati fino a qui, battuto 6-4 6-3 con tanto di interruzione per pioggia. Matteo, nella seconda finale in due settimane, aspetta il vincente della partita tra Marin Cilic e Filip Krajinovic. Il Berretto resta così in corsa per il bis dell'Atp 500 londinese e, soprattutto si mantiene ben saldo sulla vetta del tennis italiano, difendendosi dall'assalto di Jannik Sinner pronto al rientro a Eastbourne la settimana prossima.

IL MATCH—La partita inizia con 42 minuti di ritardo per colpa della pioggia. L'inizio del match è in equilibrio con Matteo che serve bene e l'olandese che non si lascia sopraffare. Al sesto game arriva lo scossone: il romano si conquista due palle break sul 15-40. Annulla bene la prima, Van de Zandschulp, rischiando sulla seconda di servizio per il 30-40. Matteo però è in vena di regali e uno sciagurato rovescio in back infilato in rete salva il rivale. Si va ai vantaggi, con l'italiano che annulla una palla del 3-3, poi si guadagna ancora una chance di break con un bellissimo rovescio in avanzamento. Il lungo olandese si salva col servizio e si riporta ai vantaggi. Un braccio di ferro che si prolunga all'infinito. La palla break numero 7 si palesa con un doppio fallo, ma non è ancora finita: l'olandese la cancella. Alla nona palla break, ancora un doppio fallo di Van de Zandschulp che cede la battuta dopo 16 minuti. Sul 4-2 Berretto smarrisce la prima di servizio e permette all'olandese di riportarsi in pari. Il passaggio a vuoto del romano, però, è cancellato da un immediato controbreak. È un game perfetto quello di Matteo che chiude il primo set 6-4.

L'INTERRUZIONE—   Nel secondo set, sul 2-1, Matteo Berrettini ha tre palle break. Ma da 0-40 Van de Zandschulp riesce a rimontare e tenere il servizio per il 2-2. Nel sesto game si riaprono gli ombrelli quando Berrettini ha due palle break. L'arbitro interrompe il gioco e si torna in campo con l'olandese che, a freddo, deve salavre la seconda palla break. Commette un errore e il romano scatta sul 4-2. Van de Zandschulp accusa il colpo, non riesce a reagire e cede 6-3.

 

Post in evidenza

TONALI E CAMBIAGHI DOPO I PULCINI ORA LA SERIE A

14 ANNI DOPO LO SCONTRO IN SERIE A   Il déjà vu sa di freddo e nebbiolina. Di partite giocate alle 11 con i volti assonnati e gli spalti vuo...