lunedì 30 gennaio 2023

BIG BEN

LA VERA STORIA DELLA TORRE DELL'OROLOGIO PIU' CELEBRE AL MONDO

Ci mettiamo in viaggio per tantissimi motivi, e tutti sono differenti tra loro. Lo facciamo per ammirare le meraviglie che portano la firma di Madre Natura, o per raggiungere le architetture create dall’uomo. Per esplorare culture, tradizioni e usanze di popoli che sono lontanissimi da noi. E lo facciamo anche per andare alla scoperta di tutte quelle attrazioni iconiche che si sono trasformate nel simbolo di città e Paesi interi.

Ed è quello che vogliamo fare oggi idealmente insieme a voi, andando alla scoperta di uno dei monumenti più celebri del mondo intero, quello che popola le cartoline, le fotografie di viaggio e i video di tutti gli avventurieri che arrivano a Londra. Stiamo parlando proprio di lui, del Big Ben. Che non è solo una torre dell’orologio affascinante, imponente e suggestiva, ma è anche il simbolo di una città e di un Paese intero. E questa è la sua storia.

La maestosa torre dell’orologio di Londra

Siamo abituati a chiamare Big Ben l’iconica e maestosa torre che campeggia nel cuore di Londra, ma in realtà il nome fa riferimento alla campana più grande dell’orologio che sovrasta il palazzo di Westminster. Il nome della torre, invece, è sempre stato Clock Tower, almeno fino al 2012 quando, in occasione del Giubileo di diamante della Regina Elisabetta II, il nome è stato trasformato in Elizabeth Tower. Sin dalla sua inaugurazione, la torre ha scandito il tempo dei cittadini e dei viaggiatori arrivati a Londra con un suono emesso ogni quarto d’ora. Impossibile non notarla, le sue dimensioni maestose, che superano i 90 metri di altezza, la fanno svettare tra gli edifici del quartiere di Westminster sulla riva settentrionale del Tamigi. Proprio lì dove migliaia di viaggiatori si recano ogni giorno per scattare istantanee di immensa bellezza davanti a quello che è diventato il simbolo di un intero Paese.

Curiosità e storia del Big Ben

Come abbiamo anticipato, il nome Big Ben fa in realtà riferimento alla grande campana della torre in stile gotico che campeggia nel cuore di Londra. La grande campana ha un peso di 13,5 tonnellate ed è chiamata Great Bell. Le origini del termine, in realtà, sono incerte, anche se sono due le ipotesi più accreditate. Da una parte c’è chi sostiene che il nome faccia riferimento alla figura di Sir Benjamin Hall, membro della Camera dei Congressi, nonché supervisore dei lavori del palazzo. Altri, invece, sostengono che il nome potrebbe essere collegato al campione di pugilato Benjamin Caunt (il grande Ben). Le origini, invece, risalgono al 1856, almeno nella sua prima versione. La storia della campana, infatti, non fu molto fortunata. Quello stesso anno si ruppe ancora prima di essere inaugurata, proprio durante uno dei test effettuati, ma fu prontamente sostituita. Il 31 maggio di 3 anni dopo, le campane dell’orologio superiore furono inaugurate, e suonarono per la prima volta, ma dopo qualche mese la Great Bell si ruppe a causa dell’uso di un martello troppo grande. Fu poi riparata quattro anni dopo. Durante la sua inaugurazione, il Big Ben conquistò il primato di campana più grande della Gran Bretagna, sostituito poi dalla Great Paul della cattedrale di San Paolo. La melodia emessa dal Big Ben, ogni quarto d’ora, è quella composta dal musicista e organista William Crotch per la torre della chiesa universitaria Great St Mary’s. Il suono può essere udito fino a due chilometri di distanza. L’orologio è suddiviso in quattro quadranti e ognuno di questi è composto da oltre 300 pannelli di vetro. Si è sempre creduto che fossero 365, uno per ogni giorno dell’anno, ma gli esperti assicurano che sono solo 312. Oggi, esattamente come tanto tempo fa, il Big Ben si tiene stretto il primato di monumento più iconico della città, nonché come attrazione più fotografata del Paese e del mondo intero.

 

Post in evidenza

GLUTEI , ALLENAMENTO ED ESERCIZI

CON GLI ELASTICI E SENZA ERRORI a cura di Daniela Cursi Masella (fonte Gazzetta dello Sport) Allenarsi a casa si può e, soprattutto, si deve...