mercoledì 15 febbraio 2023

SALUTE INTESTINO

L’INGREDIENTE CHE NE MIGLIORA LA SALUTE

di Eugenio Spagnuolo (fonte Gazzetta dello sport )

Quello che avviene nell’intestino, non resta… nell’intestino. Anzi: la salute dell'intestino è fondamentale per il benessere generale, poiché quest’organo lungo circa 7 metri ospita una comunità di microrganismi noti come microbiota intestinale, che svolge un ruolo vitale nella digestione, nell'immunità e per la salute mentale. 

Ma se è vero che la salute del nostro intestino è strettamente legata all’alimentazione, lo è anche che alcuni ingredienti a piccole dosi possono avere un effetto benefico. Quali? 

SALUTE DELL’INTESTINO: GLI INGREDIENTI “MAGICI”—  Secondo una nuova ricerca della Penn State University, consumare un'oncia di arachidi ogni giorno o un cucchiaino di erbe e spezie può migliorare la composizione dei batteri intestinali. Due studi separati condotti da scienziati nutrizionisti hanno rivelato effetti positivi sul microbiota intestinale a seguito di piccoli cambiamenti nella dieta. 

SPEZIE E ARACHIDI PER L’INTESTINO: LO STUDIO—  Il microbiota intestinale è una vasta comunità di microrganismi che risiedono nel tratto intestinale. Popolato da trilioni di batteri, il microbioma svolge un ruolo cruciale nella regolazione di vari sistemi corporei, come il metabolismo e il sistema immunitario. "La ricerca ha dimostrato che le persone che hanno molti microbi diversi hanno una salute migliore e una dieta migliore rispetto a coloro che non hanno molta diversità batterica", spiega Penny M. Kris-Etherton, docente di scienze nutrizionali della Evan Pugh University, Penn State.

Per lo studio sulle arachidi, che è stato pubblicato sulla rivista Clinical Nutrition, Kris-Etherton e il suo team hanno confrontato gli effetti dello spuntino con 28 grammi di arachidi al giorno, rispetto a uno spuntino più ricco di carboidrati: cracker e formaggio. Alla fine del periodo di osservazione di 6 settimane, i partecipanti che avevano mangiato le arachidi hanno mostrato una maggiore abbondanza di Ruminococcaceae, un gruppo di batteri legati al metabolismo epatico sano e alla funzione immunitaria.

Nello studio su erbe e spezie, pubblicato su The Journal of Nutrition, gli scienziati hanno analizzato poi l'impatto dell'aggiunta di miscele di erbe e spezie - come cannella, zenzero, cumino, curcuma, rosmarino, origano, basilico e timo - alla dieta di alcuni partecipanti a rischio di malattie cardiovascolari. Il team ha esaminato 3 dosi: circa 1/8 cucchiaino al giorno, poco più di 3/4 cucchiaino al giorno e circa 1 cucchiaino e mezzo al giorno. Alla fine delle 4 settimane di studio, i partecipanti mostravano un aumento della diversità dei batteri intestinali, compreso un aumento delle Ruminococcaceae, in particolare con le dosi medie e alte di erbe e spezie.  "È una cosa così semplice che le persone possono fare", ammette la scienziata. “La dieta americana media è tutt'altro che ideale e tutti potrebbero trarre beneficio dall'aggiunta di erbe e spezie. Sarebbe anche un modo per ridurre il sodio nella dieta e aromatizzare i cibi in un modo che li renda appetibili e, in effetti, deliziosi! Il gusto è davvero un criterio fondamentale per cui le persone scelgono i cibi che mangiano”.

In entrambi gli studi, l'aumento delle Ruminococcaceae e della diversità batterica è stata interpretata in modo positivo, poiché gli scienziati la interpretano come un segnale in più sulla connessione tra il microbiota (e microbioma) intestinale e una serie di fattori legati alla salute, dalla pressione sanguigna al peso. Tuttavia, Kris-Etherton sottolinea che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere tutte le implicazioni: "Abbiamo bisogno di molte più ricerche sul microbioma per capire qual è il suo peso reale in termini di salute generale".

 

Post in evidenza

SI FA PER RIDERE…

… MA NON TROPPO 😉😉😉😉😉😉😉✅✅✅✅✅✅✅😅😅😅😅😅😅😅💪💪💪💪💪💪💪👏👏👏👏👏👏👏💯💯💯💯💯💯💯