lunedì 6 febbraio 2023

TELEFONO AZZURRO

UN RAGAZZO SU TRE SI SENTE PERSO SENZA SOCIAL

Un rapporto inquietante quello elaborato da Telefono azzurro sulla "dipendenza" dei giovani da Internet: il 27% dei ragazzi senza l'utilizzo dei social si sentirebbe ansioso o agitato, il 29% in un range di età dai 15-18 anni e il 26% dai 12-14 anni. Secondo i numeri presentati a Milano, in occasione del Safer Internet Day, rispetto al 2018 c’è un aumento del 10% di questo stato di "inquietudine" suscitato dal web. Inoltre il 22% degli intervistati si sentirebbe perso senza l'utilizzo dei social, mentre il 19% tranquillo e il 10% solo. Solamente il 3% si sentirebbe libero e un 1% felice.

Rabbia, invidia, inadeguatezza -  I contenuti fruiti sui social possono anche suscitare sentimenti negativi. Più di un ragazzo su due (53%) riferisce di aver provato sentimenti spiacevoli, come l'invidia per la vita degli altri (24%, soprattutto i 15- 18enni). Il 21% afferma che è capitato di sentirsi inadeguato, il 18% diverso, il 10% omologato. La restante parte prova solitudine (12%) o rabbia per le vite degli altri (9%). 

Troppe ore sui social - Sempre da quanto emerge dal rapporto "'Tra realtà e Metaverso. Adolescenti e genitori nel mondo digitale", il 50% dei ragazzi tra i 12 e i 18 anni passa (in media) dalle due alle tre ore al giorno sui social e chattando. Un dato in crescita rispetto al 2018 quando erano il 43%.  Per quanto riguarda il genere emergono delle piccole differenze: rispetto alla media, il 44% dei ragazzi afferma di essere connesso dalle due alle tre ore al giorno e il 24% un'ora al giorno, mentre per il genere femminile il 55% dalle due alle tre ore e il 17% un'ora al giorno. Risultano delle differenze anche rispetto all’età, se il 23% dei 12-14enni è online un'ora al giorno, i 15-18enni dalle quattro alle sei ore al giorno. Il 35% dei ragazzi dichiarano di fare tardi la sera e avere difficoltà a dormire a causa del tempo trascorso online. Per i genitori la media si attesta intorno alle 2-3 ore al giorno.

Depressione da social tra adolescenti: più tempo passano in Rete, più sono esposti a problemi di tipo psicologico

Influencer, vip e sport - Il 93% degli intervistati usa i social per vedere contenuti degli amici, e sono per la maggioranza le ragazze. L'80% vuole vedere contenuti di personaggi famosi o sportivi e il 76% di influencer. Il 71%, in prevalenza ragazze, utilizza i social per leggere notizie, il 66% per postare contenuti e il 63% per vedere contenuti che rimandano ad una marca. Lo smartphone è lo strumento più utilizzato per stare online, nello specifico dal 93%. 

 Contenuti violenti web - A quasi un ragazzo su due (48% e 53% nel caso di ragazzi 15-18 anni) è capitato di incappare online in contenuti poco appropriati e nel 25% i contenuti apparsi li hanno turbati e impressionati. Il 19% dei ragazzi ha cercato di controllare e limitare i contenuti sui social, ma non ci è riuscito. I contenuti violenti sembrano essere i più diffusi (68%), seguiti da quelli pornografici (59%) e sessualmente espliciti (59%), dai contenuti discriminatori e razzisti (48%), da quelli riguardanti il suicidio e l'autolesionismo (40%) o inneggianti l'anoressia e la bulimia (30%), ma anche il gioco d'azzardo (27%). 

I rischi sul web - Quello ritenuto più probabile dai ragazzi è quello di essere contattati online da parte di estranei adulti (65% dei casi, percentuale che si innalza al 70% se si prendono in esame solamente le ragazze e i più piccoli, dai 12 ai 14 anni). Seguono il bullismo (57%), oversharing di dati personali (54%), la visione di contenuti violenti (53%) o sessualmente espliciti (45%), l'invio di contenuti di cui ci si potrebbe pentire (36%), le spese eccessive (19%), il gioco d'azzardo (14%). Anche secondo i genitori (75%) il pericolo maggiore sul web è quello di essere contattati da estranei adulti. 

 

Post in evidenza

TROVATA UNA STELLA CANNIBALE

LA PROVA UNA CICATRICE METALLICA  Una stella cannibale ha "ingoiato" pezzi del suo sistema planetario, un fenomeno noto da tempo, ...