mercoledì 22 marzo 2023

GIORNATA MONDIALE DELL’ACQUA

6 COSE CHE NON SAI SULLA CORRETTA IDRATAZIONE 

di Anna Castiglioni (fonte Gazzetta dello sport) 

Meno del 30% degli italiani (dati del 2022) beve acqua del rubinetto. Eppure è una delle più controllate e sicure d'Europa: le acque degli acquedotti provengono per l’84,8% da falde sotterranee, anch’esse naturalmente protette. Come per l'acqua in bottiglia, anche quella del rubinetto prima di essere immessa nel mercato è sottoposta a controlli rigorosi e, se necessario, a processi di purificazione, in modo tale da garantire un’acqua che sia sicura per il consumatore. 

Si possono trovare informazioni dettagliate sulle caratteristiche chimico-fisiche delle acque distribuite nelle aree interessate sia mediante le comunicazioni periodiche fornite dal gestore idrico, che nei siti web dello stesso gestore, di autorità comunali e/o regionali. Secondo gli studi dell’European Food Safety Authority (EFSA) esiste un rapporto di causa ed effetto tra l’assunzione giornaliera d’acqua e il mantenimento delle normali funzioni fisiche e cognitive. In altre parole, senza un corretto apporto idrico non funzioniamo bene. L’acqua riveste inoltre un ruolo particolarmente importante nella termoregolazione. L’aumento della temperatura corporea è conseguenza della riduzione della sudorazione e del flusso ematico cutaneo indotta dalla disidratazione. I valori di riferimento per una corretta idratazione considerano l’acqua assunta complessivamente – sia mediante consumo diretto che attraverso alimenti e bevande di ogni genere – variano in base all'età e al genere:  neonati sino a sei mesi di vita: 100 mL/kg al giorno

tra 6 mesi e un anno di età: 800-1000 mL/giorno

tra 1 e 3 anni di vita: 1100-1300 mL/giorno

tra i 4 e gli 8 anni di età: 1600 mL/giorno

età compresa tra 9-13 anni: 2100 mL/giorno per i bambini e 1900 mL/giorno per le bambine

adolescenti, adulti e anziani:

femmine 2 L/giorno

maschi 2,5 L/giorno.

In condizioni normali, i meccanismi di autoregolazione che determinano la sensazione di sete aiutano l’organismo ad assumere il giusto fabbisogno d’acqua necessario a compensare le perdite idriche, che hanno luogo per effetto della sudorazione, respirazione, escrezione di urine e feci. Ci sono tuttavia alcuni individui, soprattutto bambini e anziani, che sono maggiormente soggetti a disidratazione, perché hanno una riduzione della percezione nella sensazione di sete e nello stimolo naturale a bere, con il rischio di non bilanciare adeguatamente e tempestivamente le perdite di acqua. In questi casi è utile anticipare la richiesta di sete per evitare episodi di disidratazione. Per ricordarsi di assumere la giusta quantità di acqua giornaliera, è sufficiente riempire una bottiglia o una borraccia e tenerla a portata di mano: sulla scrivania, nello zaino, nella borsa. Per essere certi di bere a sufficienza si possono anche contare i bicchieri d'acqua bevuti in una giornata: 10 bicchieri corrispondo a circa 2 litri. La disidratazione, causata da un assunzione di liquidi inferiori alla perdita di acqua, ha effetti anche seri sull’attività e sulle prestazioni fisiche dell’organismo. Nelle forme più lievi è influenzata la termoregolazione ed è manifesta la sensazione di sete, con il prolungarsi del fenomeno si manifestano crampi, apatia, astenia, maggiore irritabilità; forme più gravi inducono malessere generale ed anche allucinazioni fino a rischio di insorgenza del colpo di calore ed effetti letali. Lo stato persistente della disidratazione è associato ad un significativo incremento di rischio di molte patologie, anche gravi, in primo luogo a carico del rene. Ecco i 10 consigli del Gruppo Cap, che gestisce il servizio idrico integrato della Città Metropolitana di Milano, per non sprecare acqua:

inserire un frangigetto al rubinetto. Il frangigetto è un miscelatore da inserire all'interno del rubinetto che aggiunge aria al getto d'acqua erogato, per risparmiare fino a 6-8 mila litri ogni anno.

Se il tuo rubinetto o lo scarico del wc perde, riparalo. Le piccole perdite domestiche possono causare uno spreco anche di 100 litri al giorno.

Per il tuo wc, prediligi uno scarico con pulsanti a quantità differenziate oppure con una manopola di regolazione. In questo modo, contribuirai a un risparmio annuo compreso fra i 10 e 30 mila litri. 

Meglio la doccia del bagno in vasca. In doccia il consumo medio è di 40-60 litri di acqua, per una vasca invece può essere anche di due o tre volte superiore.

Mentre ti lavi i denti o ti fai la barba, evita di tenere aperto il rubinetto. Chiudere l'acqua quando non serve fa risparmiare fino a 5 mila litri l'anno.

Usa la lavastoviglie invece di lavare i piatti a mano e la lavatrice invece di lavare i panni a mano. Inoltre, avvia i tuoi elettrodomestici solo a pieno carico. Oltre a risparmiare fra gli 8 e gli 11 mila litri d'acqua annui, è un buon modo per ridurre anche i consumi energetici.

Lava la tua auto solo quando strettamente necessario e utilizza il secchio anziché il tubo. Risparmio previsto: oltre 100 litri d'acqua per ogni lavaggio.

Innaffia le piante del tuo balcone o giardino la sera. L'acqua evaporerà più lentamente, per un risparmio medio complessivo di circa 5-10 mila litri all'anno.

Quando prepari la pasta o il riso, non buttare l'acqua di cottura (non salata): può essere ottima per innaffiare le piante e per risparmiare fino a 1800 litri d'acqua all’anno.

Cerca di recuperare l'acqua piovana sul balcone e in giardino. La puoi usare per innaffiare le piante.

 

Post in evidenza

TROVATA UNA STELLA CANNIBALE

LA PROVA UNA CICATRICE METALLICA  Una stella cannibale ha "ingoiato" pezzi del suo sistema planetario, un fenomeno noto da tempo, ...