giovedì 27 luglio 2023

VENTRE PIATTO?

ECCO IL VACUUM ADDOMINALE 

di Daniela Cursi Masella (fonte Gazzetta dello sport)

E’ riduttivo chiamarli addominali. Il ventre piatto, secondo le tecniche del pilates, passa per il vacuum addominale. “Si tratta di una tecnica di respirazione - dichiara Daniela Atanasi - in grado di tonificare i muscoli profondi dell’addome, in particolare quello trasverso e gli obliqui. E’ un esercizio che si traduce praticamente nella respirazione ventrale, quindi nell’aspirare lo stomaco. I benefici - spiega la maestra di pilates - oltre ad essere evidenti dal punto di vista estetico, sono da inserire anche tra quelli funzionali e di benessere psicofisico”.

POSTURA CORRETTA E PANCIA PIATTA—  L’esperta avvisa: è importante che l’allenamento sia a 360 gradi. “Bisogna lavorare il corpo nel suo insieme, non solo concentrarsi sul ventre, perché è tutto collegato. Premesso ciò, allenare i muscoli profondi dell’addome vuol dire migliorare la postura ed eliminare in larga percentuale le cause della “pancetta”. La sensazione del ventre piatto deriverà proprio dall’essersi tirati su”. Viene in mente la postura dei bambini. “Dovremmo osservarli più spesso - sottolinea Atanasi - per capire dove dobbiamo tornare: a quei movimenti naturali che il corpo umano ha dimenticato con il tempo compensando dolori o seguendo vizi quotidiani dovuti ad assetti costretti e costruiti”. 

BENEFICI E TEMPISTICHE—  La bellezza deriva dalla funzionalità. Con questa sintesi si accendono i riflettori sul vacuum addominale. “Dal centro dell’addome parte la forza motrice del corpo, è il fulcro dell’equilibrio. Il vacuum addominale restituisce al corpo quello che era in grado di fare già dai primi passi. E’ come riavvolgere il nastro della memoria posturale percependone i benefici nell’immediato e sentendo concretamente i risultati dopo dieci lezioni: ci si sente più alti, più aperti, più performanti, più tonici e più belli, in tutte le azioni del quotidiano”. Dopo 30 lezioni il corpo ha fatto il suo giro di boa. Arrivati a questo punto, “è importante mantenere la continuità”, sentenzia Daniela Atanasi. 

RESPIRAZIONE VENTRALE ED EMOTIVITÀ—  Il ventre piatto soddisfa, a primo impatto, l’esigenza di piacersi. Il dietro le quinte di questa soddisfazione estetica, però, va ben oltre la gioia visiva: “Agisce sull’energia - assicura l’esperta - e scioglie i blocchi emotivi grazie alla respirazione profonda. In fondo, come siamo capaci di comunicarci ansia, siamo altrettanto in grado di recuperare lucidità. E la chiave è tutta nel ventre. La password si chiama “diaframma””.

 

Post in evidenza

SI FA PER RIDERE…

… MA NON TROPPO   🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦💯💯💯💯💯💯💯✅✅✅✅✅✅✅😏😏😏😏😏😏😏👌👌👌👌👌👌👌