sabato 30 settembre 2023

DIETA JENNY CRAIG

IL METODO E LE RICETTE PER CHI NON AMA CUCINARE

a cura di Gaia Masiero (fonte Libero)

La dieta Jenny Craig è un programma a lungo termine personalizzato e molto lontano dalle diete lampo e dai piani alimentari pensati per essere seguiti indifferentemente da tutti i soggetti. Fa parte di quei programmi dietetici che prevedono l’utilizzo di pasti confezionati pre stabiliti e forniti dalla società di consulenza di proprietà dei creatori. Richiede dunque una certa fidelizzazione e una determinata costanza, anche nell’investimento richiesto.

Cos’è la dieta Jenny Craig

La dieta Jenny Craig è un programma di dimagrimento a lungo termine che combina consulenza personalizzata, supporto nutrizionale e una varietà di pasti preconfezionati. Questa dieta è stata fondata da Jenny Craig e suo marito Sidney Craig negli anni ’80 ed è diventata una soluzione molto popolare negli USA. Dopo tanti anni di successo, nel maggio 2023 la compagnia fondata dai Craig è fallita, sebbene non sia mai stata coinvolta in scandali legati al dissenso della comunità scientifica. Piuttosto è naturale pensare che un programma che ha avuto un forte successo negli anni ’80, abbia perso di appeal e attualità. Nei prossimi paragrafi approfondiremo gli aspetti pratici di questa, ma è da chiarire il fatto che non sarà possibile seguirla con il metodo dei pasti pre confezionati dal momento che attualmente non sono più disponibili.

Come funziona

Come molti programmi di diete personalizzate supportati da una vera e propria azienda di consulenza organizzata, l’avvio della dieta Jenny Craig prevede di iscriversi al programma dichiarando tutti i dati necessari alla valutazione del programma personalizzato più adatto. A questo punto si viene abbinati a un consulente che ha il compito di creare un piano alimentare personalizzato in sinergia con le richieste, le esigenze e gli obiettivi del cliente. A questo punto, parte il vero e proprio programma dietetico che consiste nella somministrazione di pasti pre confezionati bilanciati e nutrienti, ideati per raggiungere gli obiettivi di peso prefissati, ma anche per soddisfare le preferenze gastronomiche dei clienti. Gli utenti consumano tre pasti principali e due snack al giorno, tutti forniti dalla Jenny Craig, e possono anche aggiungere cibi freschi come frutta e verdura. Il supporto costante del consulente è un elemento chiave che ha portato al successo del programma poiché stimola a non abbandonarlo, ma può anche fare delle modifiche in corsa se la motivazione scende o se il piano risulta meno efficace del previsto. A sostegno degli iscritti, anche gruppi online e forum.

Cibi consentiti

Uno dei punti a favore della dieta Jenny Craig è che include moltissimi cibi differenti e punta su alimenti interessanti dal punto di vista nutrizionale. I pasti preparati per i clienti includono un po’ di tutto come carne magra, pesce, pollame, pasta e cereali integrali. Ma anche piccole porzioni di pasti stuzzicanti a base di carboidrati come la pizza e lasagne. I pasti sono preparati per fornire un equilibrio di proteine, carboidrati e grassi sani, garantendo al contempo il controllo delle calorie.

I cibi vietati

Potrebbe sembrare banale, ma a parte frutta e verdura, è vietato consumare tutti i cibi che non vengono preparati dalla compagnia di Jenny Craig, a meno che non siano espressamente indicati sul piano alimentare preparato dal consulente. In questo modo, si riduce la possibilità di sbagliare o sgarrare. Nei pasti preparati per i clienti, non compaiono mai dolci industriali, bibite gassate, carni grasse, fritti e junk food.

L’importanza dell’attività fisica

Una delle indicazioni fondamentali della dieta Jenny Craig, è quella di svolgere attività fisica regolare per almeno 30 minuti al giorno per 5 giorni la settimana. Le attività potranno essere a intensità medio-bassa, ma è richiesta una certa costanza per non vanificare il programma studiato dal consulente. Sarà proprio lui a tenere conto delle abitudini sportive di chi si sottopone al programma, delle sue possibilità fisiche e dell’attività fisica richiesta per raggiungere gli obiettivi prefissati.

La giornata tipo in Jenny Craig

Ecco un esempio generico di una giornata tipo in Jenny Craig che serve ad avere una vaga idea di cosa può essere proposto nel percorso di dimagrimento a lungo termine e che non va inteso come un esempio da seguire dal momento che è necessaria una costruzione del programma e dei menu ad personam.

Risveglio: barretta energetica

Colazione: pancake ai mirtilli con una tazza di fragole e un bicchiere di latte scremato

Spuntino: barretta al caramello salato

Pranzo: insalata di tonno, lattuga e carote

Merenda: 150 grammi d’uva

Cena: ravioli al formaggio e asparagi

Prima di andare a dormire: biscottini al limone

Frutta e verdura

Come anticipato, la dieta Jenny Craig prevede di aggiungere ai menu pre confezionati delle porzioni di frutta e verdura fresche. Ecco quali sono consigliate e ammesse:

Frutta Verdura

frutti di bosco verdure a foglia verde

agrumi broccoli

mela asparagi

melone zucchine

ananas cetrioli

banana pomodori

ciliegie peperoni

Bevande

Trattandosi di una dieta non punitiva, la Jenny Craig ammette anche l’uso di alcolici in quantità molto limitate, ma è un aspetto che coinvolge i piani personalizzati e non è generalizzabile. Per tutti invece, è valida l’indicazione di puntare su bevande prive di apporto calorico come acqua naturale o gassata, tè e caffè non zuccherati, tisane e acque aromatizzate.

Quanti chili si perdono con la Jenny Craig

Trattandosi di un programma a lungo termine personalizzato, la perdita di peso che si può ottenere con la dieta Jenny Craig varia molto da soggetto a soggetto, anche in base al peso iniziale e all’obiettivo prefissato. In linea generale però, la perdita di peso ottenuta con il programma varia dal mezzo chilo al chilo a settimana.

Benefici

Il beneficio principale di questa dieta è ovviamente la perdita di peso, che passa attraverso un periodo di dimagrimento lungo e costante che si pone l’obiettivo di limitare l’effetto yo-yo e di fornire nuove consuetudini replicabili nel tempo ai clienti che si affidano al programma. Un altro lato interessante di questa dieta è che tende a non escludere del tutto nessun alimento, nemmeno i tanto temuti carboidrati che vengono sottratti ai menu di moltissime diete.

Controindicazioni

La principale controindicazione legata alla Jenny Craig sta nei costi che non sono esattamente contenuti dal momento che l’iscrizione al programma prevede il consumo esclusivo dei pasti preparati dalla compagnia. Per avere un’idea più precisa, si parla di circa 200 dollari a settimana per usufruire del pacchetto completo. Un altra controindicazione sta nel fatto che l’escludere il cliente dalla preparazione dei pasti, sebbene possa facilitarlo in un certo senso, limita la sua consapevolezza circa l’importanza di cambiare modo di cucinare per non ritrovarsi nella stessa condizione di partenza. Per limitare questa controindicazione, sono previste delle lezioni di cucina per preparare da soli pasti leggeri e sani. Un’altra controindicazione da non sottovalutare è che i coach che preparano i piani alimentari e seguono i nuovi clienti, sono per la gran parte adepti al sistema Jenny Craig che lo hanno provato in precedenza e non nutrizionisti professionisti.

Le ricette Jenny Craig

Sul sito ufficiale, è possibile reperire alcune ricette interessanti per comprendere il tipo di alimentazione consentito durante il programma. Queste preparazioni si riferiscono ovviamente al periodo successivo a quello in cui si consumano pasti pre confezionati e si viene invitati a cucinare ricette sane e leggere.

Coppette di yogurt, mango e frutto della passione

Ingredienti: 1 bustina di gelatina dietetica aromatizzata al mango e frutto della passione, 1 tazza di yogurt greco magro, 3 frutti della passione, ½ arancia, tagliata a fette, 2 kiwi tagliati a fette

Procedimento: Svuota il contenuto della bustina in una ciotola resistente al calore. Aggiungi 1 tazza di acqua bollente, mescola e fai sciogliere. Aggiungi 1 tazza di yogurt, mescola fino a ottenere una consistenza uniforme e versa in 4 piccole tazze. Lascia raffreddare in frigorifero per almeno 4 ore. Una volta che si è solidificato, guarnisci con la polpa dei frutti della passione, le fette di arancia e i kiwi a fette.

Zuppa di carote arrostite e finocchio

Ingredienti: 4 carote di medie-grandi dimensioni, non sbucciate, tagliate in pezzi di 3 cm di lunghezza, ½ bulbo di finocchio di medie dimensioni, senza le cime piumate, tagliato in pezzi di 4 cm, 1 cipolla rossa di piccole dimensioni, sbucciata e tagliata in quarti, zenzero fresco, tagliato spesso 1 cm, 500 ml di brodo vegetale a basso contenuto di sale, 200 ml di acqua, olio d’oliva spray

Procedimento: Preriscalda il forno a 180° C. Disponi le verdure preparate e lo zenzero in una teglia resistente al forno e spruzza leggermente l’olio d’oliva. Mescola per coprire tutte le verdure con l’olio. Cuoci per 60 minuti, girando le verdure una volta. Riduci la temperatura a 160 °C e cuoci in forno per ulteriori 20-30 minuti. Questo intensificherà il sapore delle verdure. Togli le verdure dal forno e versa il brodo vegetale. Lascia riposare le verdure nel brodo per qualche minuto, quindi trasferisci il composto in un frullatore. Frulla fino a ottenere una consistenza omogenea, aggiungendo un po’ d’acqua in più se preferisci una zuppa più liquida. Trasferisci in una pentola pulita, copri, riporta a temperatura e servi.

Pulled pork messicano con verdure croccanti

Ingredienti: ½ cetriolo libanese, tagliato a pezzetti, ½ pomodoro, tagliato a dadini, 2 cipollotti, parti verdi e bianche, affettati diagonalmente, una piccola manciata di foglie di coriandolo fresco, 1 piccolo peperoncino verde dolce, privato dei semi, tagliato finemente, lime fresco.

Procedimento: mescola delicatamente il pulled pork con le verdure preparate, servilo in una ciotola e guarniscilo con una spruzzata di succo di lime fresco.

Cavolfiore arrosto con salsa allo yogurt alle erbe

Ingredienti: metà cavolfiore, olio spray, condimenti a piacere (come curcuma in polvere e pepe), 4 cucchiai di yogurt naturale magro, succo di metà limone, ½ tazza di erbe fresche (come prezzemolo e coriandolo)

Procedimento: taglia il cavolfiore a cimette e disponile su una teglia da forno (puoi anche usare una friggitrice ad aria se ne hai una). Spruzza leggermente con olio, condisci con le tue spezie e cuoci in forno per 20-30 minuti a 180 gradi (10-12 minuti se usi la friggitrice ad aria). Mentre il cavolfiore si cuoce in forno, prepara la salsa allo yogurt mescolando lo yogurt con il succo di limone, condisci con il pepe e mescola con le erbe fresche. Trasferisci il cavolfiore arrosto in un piatto da portata e servilo con la salsa allo yogurt.

 

Post in evidenza

LA RUBRICA

SEMPRE E SOLO IO… a cura della sognatrice matta  Lo so, lo so …Tutti rispondono.. non è così semplice. Nella risposta c’è già arresa. Quando...