venerdì 8 dicembre 2023

GLI ABBINAMENTI DEL CIBO CHE FANNO BENE ALLA SALUTE

ECCO QUALI SONO 

a cura di Anna Castiglioni (fonte Gazzetta dello Sport) 

Meglio insieme che da soli. È così che funziona per molti alimenti, i cui nutrienti vengono potenziati dall'abbinamento con altri ingredienti. È il caso, ad esempio, del tè verde con il limone: grazie alla vitamina C dell'agrume, verranno assorbite meglio le molecole antinfiammatorie della bevanda. Il tè verde è la tipologia di tè in cui la presenza di polifenoli e catechine, due potenti antiossidanti, sono presenti in maggiore quantità. In particolare, i polifenoli proteggono la parete delle arterie e hanno un effetto sui livelli di colesterolo. Tradotto, svolgono un ruolo nella prevenzione delle malattie cardiovascolari e alcuni studi stanno indagando un potenziale effetto anche nella riduzione del rischio di tumore.

Un abbinamento classico è la pasta con l'olio a crudo, meglio ancora se integrale condita con sugo di pomodoro e l'olio extra vergine d'oliva: gli acidi grassi moninsaturi dell'olio aiuteranno ad assorbire meglio la molecola anti tumorale del pomodoro, il licopene. Questo carotenoide, infatti, è presente in maggiori quantità se il pomodoro è cotto e maturo, come nel caso della salsa con cui si condisce la pasta. 

La classica insalata può essere una ricca fonte di sali minerali e vitamine. Basta aumentarne la varietà (indivia, radicchio, spinacino, lattuga) e aggiungere una manciata di noci. In questo modo si farà il pieno di omega-3, cioè di quegli acidi grassi in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo, migliorare la sensibilità all’insulina e proteggere dalle malattie neurodegenerative.

Basta un bicchiere di succo d'arancia abbinato a una tazza di cereali a colazione per fare il pieno di ferro. La vitamina C dell'arancia, infatti, aiuta l'assorbimento, che avviene a livello intestinale del tenue di questo micronutriente presente nei cereali. Meglio optare per una spremuta, un'arancia intera o un succo senza zuccheri.

I grassi monoinsaturi dell'olio extra vergine di oliva sono in grado di far assorbire meglio le vitamine delle verdure crude. Un ottimo modo per approfittare di questa combo salutare è il pinzimonio, uno spezza fame salutare e vitaminico (ma senza sale). Inoltre, l'olio d'oliva è ricco di vitamina E e polifenoli, in particolare l'oleocantale, il flavonoide responsabile del pizzicore in gola che si percepisce all’assaggio dell’olio extravergine d’oliva fresco. Alcuni studi hanno provato che tale composto agisce sugli stessi target molecolari dell’ibuprofene, principio attivo di alcuni antinfiammatori utilizzati in ambito clinico.

Un abbinamento classico è pasta e ceci o pasta e fagioli: in questo modo potrai assumere in un unico pasto tutte le proteine necessarie. I legumi, inoltre, sono un'ottima fonte di fibra e aiutano a prolungare il senso di sazietà. Contengono ferro, il cui assorbimento è aiutato dalla presenza di vitamina C: se abbiniamo un condimento come limone o peperoncino, il piatto sarà davvero completo.

 

Post in evidenza

“SENSAZIONI E SENTIMENTI”

IL LIBRO DI ROBERTO BARTOCCI Presentazione autobiografica "Mi chiamo Roberto Bartocci, sono nato il 15 gennaio del 2006 a Milano, in Lo...