martedì 12 dicembre 2023

L'INCREDIBILE ECLISSI DI BETELGEUSE

UNO SPETTACOLO CELESTE DA NON PERDERE

n singolare fenomeno celeste sta per affascinare gli amanti dell’astronomia: la prossima settimana, la supergigante rossa Betelgeuse, una delle stelle più luminose della costellazione di Orione, si eclisserà dalla nostra vista per un breve istante. Questo evento straordinario è dovuto all’allineamento con un asteroide, promettendo uno spettacolo unico nel suo genere.

Betelgeuse e la costellazione di Orione

Betelgeuse è una delle stelle più affascinanti nel panorama celeste, non solo per la sua luminosità ma anche per il suo nome. Questa supergigante rossa prende il suo nome dall’arabo “Yad al-Jauza”, che significa “La mano del gigante”. La scelta di questo nome riflette la sua posizione nella costellazione di Orione, essendo situata sulla “spalla” del famoso cacciatore mitologico. La storia dietro il nome sottolinea la connessione tra le culture antiche e il cielo notturno che ha catturato l’immaginazione umana per secoli. La costellazione di Orione è una delle più riconoscibili nel firmamento. Prende il nome dal leggendario cacciatore della mitologia greca, Orione, noto per la sua grandezza e maestosità. Composta da diverse stelle luminose, tra cui Betelgeuse, la costellazione è caratterizzata da un’immagine distintiva a forma di cintura, composta dalle tre stelle Alnitak, Alnilam e Mintaka. La sua visibilità durante le notti invernali ha da sempre stimolato l’immaginazione umana, generando racconti e leggende che attraversano culture e tradizioni diverse nel corso dei secoli. Orione continua a essere un punto di riferimento nel cielo notturno.

Il fenomeno celeste che interesserà Betelgeuse

Betelgeuse è celebre per la sua brillantezza nel cielo notturno, ma presto sarà oscurata temporaneamente da un asteroide denominato (319) Leona. Questo raro fenomeno è atteso tra il 12 e il 13 dicembre, quando l’asteroide passerà davanti alla stella, creando un effetto di eclissi per alcuni secondi. Sebbene sia una prospettiva ottica, lo spettacolo offerto sarà senza dubbio affascinante. La costellazione di Orione, per un breve lasso temporale, sarà priva della presenza di Betelgeuse, a causa dell’allineamento con questo corpo celeste, con un diametro medio di circa 68,16 km. Queste eclissi hanno un valore scientifico significativo, poiché permettono di studiare la forma dell’asteroide coinvolto. In questo caso, gli esperti sperano di analizzare anche la superficie di Betelgeuse, una supergigante rossa con grandi celle convettive che influenzano la sua luminosità variabile. A spiegarlo è stato l’astrofisico Gianluca Masi, Direttore del Virtual Telescope Project. La scomparsa temporanea di Betelgeuse assume particolare importanza in quanto questa stella è stata oggetto di osservazione negli ultimi anni, soprattutto per la sua variazione di luminosità nel 2019-2020 e come uno dei possibili candidati per un futuro evento di supernova. Gli astronomi hanno affermato che quando Betelgeuse – attualmente impegnata nella fase avanzata della combustione del carbonio nel suo nucleo – esploderà come supernova, illuminerà il cielo terrestre diventando più luminosa della Luna piena. Tuttavia, questo evento è ancora lontano: è previsto entro i prossimi 100mila anni.

Quando assisteremo all’oscuramento di Betelgeuse

Per chi desidera assistere a questo evento celeste, l’oscuramento di Betelgeuse avverrà nella notte fra il 12 e il 13 dicembre, approssimativamente alle 2:13. Questo fenomeno avrà una durata di circa 10 secondi, ma sarà visibile solo da alcune regioni, come la Puglia, la Calabria e la Sardegna, grazie all’uso di un telescopio. Per coloro che non possono raggiungere queste aree, sarà comunque possibile ammirare questo raro evento tramite lo streaming organizzato dalla Virtual Telescope’s webTV. Non perdete la straordinaria opportunità di osservare uno spettacolo cosmico unico nel suo genere!

 

Post in evidenza

“SENSAZIONI E SENTIMENTI”

IL LIBRO DI ROBERTO BARTOCCI Presentazione autobiografica "Mi chiamo Roberto Bartocci, sono nato il 15 gennaio del 2006 a Milano, in Lo...