giovedì 22 febbraio 2024

COME CALMARE L’ANSIA IN 5 PICCOLI PASSI

LA PAROLA ALL’ESPERTO 

a cura di Michele Cappello (fonte Gazzetta dello Sport)

L’ansia è uno stato emotivo che accompagna molte persone. Può essere una risposta a un momento di forte stress o a situazioni che ci mettono a disagio. Spesso si manifesta con sudorazione aumentata, battito cardiaco accelerato e respiro affannato, e può condizionare la nostra vita quotidiana. Secondo alcuni studi, le cause risiedono non solo in fattori ambientali e psicologici, ma in alcuni casi anche genetici. Non potendo sempre prevenirla, ecco alcuni consigli su come calmare l’ansia.

Mens sana in corpore sano, dicevano i latini. Ed è vero ancora oggi: essere attivi, fare esercizio fisico e curare il proprio corpo aiuta anche a migliorare la propria salute mentale e può essere un buon modo per limitare l’ansia. Ritagliare una piccola parte della giornata per una passeggiata o una nuotata aiuta, ancora meglio se diventa un appuntamento regolare. Tra le attività più utili, inoltre, c’è anche lo yoga

Stando ad alcuni studi, riportati da Health, ansia e sonno sono interconnessi e si influenzano a vicenda. Se è vero che uno stato d’ansia può impedirci di dormire, è vero altrettanto che riposare poco e male può favorire il ripresentarsi di stati d’ansia. È importante dunque regolarizzare quanto più possibile la propria routine di riposo, evitando il contatto con device elettronici prima di andare a letto e magari bevendo una tisana per rilassarsi.

Mangiare bene aiuta a stare meglio fisicamente e non solo. Alcuni studi, come riportato da Health, hanno dimostrato la relazione tra cibi ricchi di grassi, molto processati e zuccherati e l’insorgere di sintomi legati all’ansia. Al contrario, diete che prediligono proteine, carboidrati complessi, frutta e verdura possono alleviare i sintomi con relativa velocità ed efficacia. A questo bisogna aggiungere la buona abitudine di bere tanta acqua e rimanere idratati, evitando il più possibile caffeina e alcol, che possono alterare umore e sonno, favorendo stati d’ansia.

In italiano sarebbe letteralmente “messa a terra”. Il grounding (o radicamento) è una tecnica che consiste nell’ancorarsi al presente e alla realtà circostante per allontanare pensieri e ansie e riprendere il controllo delle nostre emozioni. Esistono diverse tecniche: le più comuni sono la regola “333” e il metodo “54321”. Il primo consiste nell’osservare (e nominare) tre oggetti presenti nella stanza, ascoltare (e nominare) tre rumori e infine toccare o spostare tre cose a nostra portata. Il secondo è simile: si parte dal percepire e nominare un gusto, poi due cose che potete annusare, tre cose che riuscite a sentire, quattro cose che potete toccare e cinque cose che riuscite a vedere.

Molti la praticano proprio per combattere i sintomi dell’ansia. La meditazione e la respirazione profonda aiutano a entrare in uno stato di rilassamento e a liberare la mente dai pensieri. In particolare, potete provare con la meditazione guidata focalizzandovi sulla visualizzazione di immagini: concentratevi su situazioni o eventi futuri in modo da prepararvi meglio ad affrontarli.

 

Post in evidenza

FOOTBALL PLAYERS SPEICIAL ONE

DOPO FROSINONE ANCJE CON LA CAVESE. SARÀ UN MESE DI GIUGNO PREGNO DI APPUNTAMENTI  Altra possibilità che verrà concessa ai facenti parte del...