sabato 16 marzo 2024

COL GUARANA’ AUMENTI LA CONCENTRAZIONE

PROPRIETÀ, BENEFICI E QUANTITÀ DA ASSUMERE

(fonte Gazzetta dello Sport)

Il guaranà è una pianta rampicante originaria della foresta amazzonica, un arbusto da secoli considerato un elisir di lunga vita dalle tribù Indios, a cominciare dai Guaraní che ancora oggi sono distribuiti tra il sud del Brasile, il Paraguay e l'Argentina. La Paullinia cupana, questo il nome scientifico del guaranà, produce un frutto che può contenere da uno a tre semi e sono proprio questi, ricchi di caffeina, a vantare le tante proprietà apprezzate da tempo immemore.

COME SI MANGIA IL GUARANA’- I semi di guaranà sono ricchi di guaranina, una sostanza chimicamente identica alla caffeina isolata per la prima volta nel 1826, e proprio come accade per i chicchi di caffè anche i semi di questo arbusto non possono essere consumati così come vengono rimossi dal frutto. Occorre essiccarli e macinarli prima di impiegarli nella produzione di bevande dalle tante proprietà.

La guaranina, una volta assunta, agisce stimolando il sistema nervoso centrale, il cuore e i muscoli e proprio per questa viene considerata un ottimo aiuti per stimolare la concentrazione e ridurre l’affaticamento fisico e mentale. L'assunzione di guaranà, però, aiuterebbe anche il sistema digestivo grazie alla sua capacità di aumentare la secrezione gastrica ed esercitare un leggero effetto diuretico.

Negli ultimi anni il guaranà si è imposto anche in occidente per combattere la pressione bassa e la sindrome da fatica cronica, ma anche per aumentare il desiderio sessuale e come valido supporto contro diarrea, febbre, mal di testa e dolori articolari. È molto frequente trovare il guaranà anche tra gli integratori alimentari che dovrebbe aiutare a perdere peso. 

LA QUANTITÀ DI GUARANÀ DA ASSUMERE—  Ad oggi la scienza sostiene che l'assunzione di guaranà sia sicura negli adulti, a patto che non venga superata la quantità di 400 milligrammi al giorno. Superata questa soglia potrebbero emergere effetti collaterali comuni alla caffeina come insonnia, irrequietezza, nervosismo, aumento della frequenza cardiaca e anche della respirazione e della pressione. Anche per questo motivo, nonostante i tanti benefici che possono portare, l'uso dei prodotti contenenti guaranà resta sconsigliato per chi soffre di ulcere gastriche e intestinali, ma anche di ipertiroidismo, ipertensione e aritmie. Le donne in gravidanza o in allattamento dovrebbero limitare il quantitativo massimo di guaranà a 200 milligrami al giorno secondo il parere dell'EFSA, la European Food Safety Authority.

 

Post in evidenza

TAYLOR SWIFT PUBBLICA IL SUO NUOVO ALBUM

"LA MIA ANTOLOGIA DI POESIE TORMENTATE" Taylor Swift pubblica il suo undicesimo album, che si arricchisce a sopresa di 15 brani ex...