mercoledì 3 luglio 2024

COME DIVENTARE FAMOSI SU INSTAGRAM

TRUCCHI ED IDEE VINCENTI

(fonte Libero)

Avance, sguardi, offese fino ad arrivare a vere e proprie molestie fisiche. Sono quasi due milioni le donne molestate almeno una volta nella vita sul luogo di lavoro. Un numero pari all'81,6% del totale delle vittime (2,3 milioni di persone tra i 15 e i 70 anni). E' la fotografia scattata dell'ultimo report dell'Istat relativo agli anni 2022-2023. A farne le spese sono soprattutto le più giovani (con una percentuale che sale al 21,2% tra i 15 e i 24 anni). L'autore delle molestie sulle donne è per lo più un collega maschio (37,3%) o una persona con cui ci si relaziona nel corso della propria attività come un cliente, un paziente o uno studente (26,2%). Si registra invece un calo di ricatti sessuali, anche grazie al fenomeno del #metoo.

Come ha inciso il fenomeno del #metoo Si stima che negli ultimi tre anni precedenti la rilevazione le donne tra i 15 e i 70 anni sottoposte a qualche tipo di ricatto sessuale per ottenere un impiego, per mantenerlo o per una promozione siano state circa 65mila, pari allo 0,5% (rispetto all'1,1% della precedente rilevazione). La percentuale è più alta fra le più giovani (2,9% in età 15-24 anni) e l'1,1% (tra le 25-34enni). A incidere sulla riduzione del fenomeno, si legge nel rapporto, "l'ampio impatto delle azioni di denuncia come la campagna .meetoo e la disponibilità di un sistema di protezione legislativo e istituzionale delle vittime". Va considerato, inoltre, che il periodo analizzato corrisponde agli anni 2020-2023 e include, dunque, la pandemia e il conseguente lockdown in cui le occasioni di lavoro in presenza si sono fortemente ridotte.

I casi tra gli uomini e le denunce Gli uomini vengono importunati, invece, nel 26,4% dei casi da colleghe e nel 20,6% da colleghi. Le denunce arrivano di rado: solo il 2,3% delle donne ha contattato le forze dell'ordine e il 2,1% altre istituzioni ufficiali. Nell'8% dei casi si sono rivolte a consulenti, nel 14.9% direttamente al datore di lavoro o al loro superiore oppure si confidano con i colleghi di lavoro (16,3%).

Che tipo di molestie subiscono le donne Allargando lo sguardo alle situazioni extralavorative le donne che hanno subito molestie sono un milione 311mila (il 6,4%), di queste 743mila soltanto negli ultimi 12 mesi. Le più diffuse sono le proposte indecenti di natura sessuale e i commenti offensivi sul proprio corpo. Con lo sviluppo dei social e delle tecnologie - viene evidenziato - il rischio si è esteso alla dimensione virtuale. I social (WhatsApp, Messenger e altri) sono canali dove si possono ricevere proposte inappropriate, foto o video a contenuto sessuale, o dove possono essere diffusi o pubblicati foto e video a sfondo sessuale senza consenso. Nel periodo analizzato dall'indagine il 3,1% delle donne ha subito almeno una molestia "dal vivo", l'1,7% tramite messaggi da una singola persona e l'1,9% attraverso piattaforme social in cui la vittima è di fronte a un pubblico indefinito.

 

Post in evidenza

COPPA DAVIS

LE SCELTE DI VOLANDRI: C’È SINNER E PER LA PRIMA VOLTA VOLANDRI Si riparte a settembre con la fase a gironi, dove l'Italia affronterà in...