mercoledì 3 luglio 2024

PERCHÉ A WIMBLEDON CI SI VESTE DI BIANCO?

SCOPRIAMOLO INSIEME 

Perché a Wimbledon ci si veste di bianco? La tradizione risale al 1877, quando i soci dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club organizzarono il primo torneo di tennis. Da allora, tutti i tennisti a Wimbledon sono obbligati a vestirsi di bianco. È il colore che, di fatto, rende meno visibili gli aloni del sudore su magliette e pantaloncini. 

A Wimbledon ci si veste eleganti - Per mantenere un senso di eleganza diffuso, il dress code di Wimbledon riguarda anche direttori di gara (che indossano un abito spezzato: pantaloni bianchi, giacca blu, camicia a righe e cravatta) e gli stessi spettatori sugli spalti (come visto in passato per i look ineccepibili di Roger Federer fuori dal campo e di un habitué come David Beckham).

Il decalogo ufficiale dei tennisti a Wimbledon - Per quanto riguarda strettamente i tennisti, nel corso degli anni le regole sono state raccolte in una sorta di decalogo (ma, tecnicamente, sono solo nove voci), riportato sul sito ufficiale del torneo. Quanto segue si riferisce a tutto l'abbigliamento, comprese tute e maglioni, indossato in campo sia per gli allenamenti che per i match. 

I concorrenti devono indossare un abbigliamento da tennis idoneo, quasi interamente bianco e questo vale dal momento in cui il giocatore entra in campo 

Il bianco non include il bianco sporco o il crema

Non devono comparire motivi o bande colorate. È accettabile un unico bordo colorato attorno allo scollo e attorno al polsino delle maniche, ma non deve essere più largo di un centimetro (10 mm)

Il colore contenuto all'interno dei motivi verrà misurato come se fosse una massa solida e dovrà rientrare nella guida di un centimetro (10 mm). I loghi formati da variazioni di materiale o modelli non sono accettabili

Pantaloncini, gonne e pantaloni della tuta devono essere completamente bianchi ad eccezione di un singolo bordo di colore lungo la cucitura esterna non più largo di un centimetro (10 mm)

I berretti, le fasce, le bandane, i polsini e i calzini devono essere completamente bianchi ad eccezione di un unico bordo colorato non più largo di un centimetro (10 mm)

Le scarpe devono essere quasi interamente bianche. Suole e lacci devono essere completamente bianchi. I loghi dei grandi produttori non sono incoraggiati (testuale, n.d.r.). Le scarpe da erba devono rispettare le regole del Grande Slam. In particolare non saranno ammesse scarpe con puntini attorno alla parte esterna delle dita. Il foxing (ovvero il lembo di rivestimento esterno laterale, che segue le dita, n.d.r.) deve essere liscio

Anche tutti gli indumenti intimi che sono o possono essere visibili durante il gioco (incluso a causa del sudore) devono essere completamente bianchi, ad eccezione di un singolo bordo di colore non più largo di un centimetro (10 mm), ad eccezione delle giocatrici a cui è consentito indossare abiti interi, pantaloncini intimi di colore medio/scuro purché non siano più lunghi dei pantaloncini o della gonna

Post in evidenza

“RICOMINCIO DA TAAAC”

RITORNA AL CINEMA IL MILANESE IMBRUTTITO  " Ricomincio da Taaac ", l'atteso secondo film de " Il Milanese Imbruttito &quo...