venerdì 19 marzo 2021

PRIMAVERA FA RIMA CON PROFUMO

DOMENICA SI CELEBRA LA GIORNATA DEL PROFUMO. ECCO 5 COSE CHE DEVI SAPERE

È convenzionalmente considerato il primo giorno di primavera, del risveglio della natura e delle sue meraviglie. È la Giornata mondiale della poesia ed è intitolata anche a molte tematiche importanti a livello internazionale (come l'eliminazione delle discriminazioni razziali) e nazionale (nel nostro Paese è dedicata alla memoria e all'impegno per ricordare le vittime innocenti di tutte le mafie). Il 21 marzo è, inoltre, la Giornata del Profumo, istituita nel 2017 dall'Accademia del Profumo. Ecco, allora, qualche curiosità che potrebbe essere apprezzata dagli amanti del beauty...  

UN GESTO EMOZIONANTE - "Profumarsi è un gesto emozionante, che ci permette di stare bene, di esaltare la nostra personalità", spiega la presidente di Accademia del Profumo, Ambra Martone. "È un gesto che spesso facciamo automaticamente - aggiunge -, senza neanche accorgercene, nei nostri rituali quotidiani". Questa quinta edizione della Giornata del Profumo è all'insegna del digital, con eventi web e social in programma fino a domenica 21 marzo. 

 L'ORIGINE DEL NOME - Il termine profumo viene dal latino "per fumum", che letteralmente significa "attraverso il fumo". Le prime fragranze consistevano, infatti, in aromi bruciati, come l'incenso, in offerta agli dei o agli antenati. Le origini risalgono a circa 7 mila anni fa.

 UN PO' DI GALATEO - Il profumo va sempre indossato con discrezione. Lo raccomanda la stessa Accademia del Profumo, che lo considera un "omaggio" da riservare soltanto alle persone fisicamente vicine.

 I PUNTI GIUSTI - È preferibile spruzzare la fragranza sul collo e sui polsi, i punti in cui "si sentono le pulsazioni del cuore". I polsi, in particolare, non vanno mai strofinati: si spezzano le molecole del profumo, rompendone l'equilibrio.

MEGLIO NON CHIEDERE - La scelta del profumo è strettamente legata alla propria personalità e alla sfera dell'intimità. Per buona educazione, non bisognerebbe mai fare domande su quale si indossi. Sarebbe un po' come chiedere l'età a una signora.

 

Post in evidenza

VOLLEY MASCHILE

SUPERCOPPA A TRENTO. MONZA SCONFITTA di Gian Luca Pasini (fonte Gazzetta dello Sport) E dopo 3 anni abbondanti di astinenza (quasi 1000 gior...