martedì 20 aprile 2021

GIADA UZZENI

PROJECT MANAGER DI UPW

Terminati gli studi universitari e fatta una breve esperienza negli States, Giada Uzzeni ha deciso di fare il suo ingresso nell’azienda di famiglia, la U-Power, e di dedicarsi a un nuovo progetto tutto suo: UPW, brand di streetwear pensato per un pubblico giovane e disinvolto.

Di che si tratta esattamente?

Debutta nel mondo dello streetwear anche il nostro brand, UPW. Una bella sfida, che mi hanno proposto i miei genitori e che ho accettato con entusiasmo.

 So che sei giovanissima e che hai il DNA imprenditoriale.

Ho quasi 24 anni, quindi ammetto di essere molto giovane, tuttavia sono cresciuta respirando l’aria dell’azienda di famiglia, la U-Power, leader nel settore dell’abbigliamento e delle calzature da lavoro. Dopo la maturità linguistica, ho deciso di approfondire le tematiche legate al mondo della comunicazione e quindi mi sono iscritta alla facoltà di Relazioni Pubbliche e Comunicazione di Impresa alla IULM di Milano. Mi sono laureata discutendo una tesi sull’azienda di famiglia, perché è qualcosa che mi appassiona e che conosco bene e in profondità.

 Poi però hai deciso di fare un’esperienza all’estero.

Penso sia fondamentale avere una visione più ampia e oltretutto è indispensabile conoscere bene la lingua inglese. Per questo, mi sono trasferita a New York con l’idea di rimanerci almeno sei mesi, ma sono stata costretta a interrompere questa esperienza dopo solo un mese e mezzo perché è scoppiata la pandemia e volevo rientrare assolutamente in Italia e stare vicino alla mia famiglia. Ho preso l’ultimo volo prima che chiudessero tutto… è andata bene.

 A questo punto com’è andata?

Le alternative erano solo due: o continuare a studiare o iniziare ad affrontare il mondo del lavoro. Ho deciso per la seconda e ho fatto il mio ingresso in azienda. Ammetto che all’inizio non è stato facile, la scuola è un ambiente molto diverso ovviamente, però ho iniziato subito a imparare e posso dire che mi piace davvero molto quello che faccio.

 Da quando hai iniziato in U-Power hai già fatto parecchia strada.

Ho iniziato affiancando il Direttore Commerciale, facendo il giro dei clienti su tutto il territorio nazionale con l’idea di raccogliere stimoli e suggerimenti: credo sia importante il confronto, come anche farmi conoscere. A mio avviso i rapporti e le relazioni personali sono fondamentali e non solo nel lavoro.

 Da U-Power a UWP: sono curiosa di saperne di più.

Con i miei genitori abbiamo pensato di poter mettere a disposizione la competenza acquisita come leader di mercato nel settore del workwear in una nuova linea di abbigliamento informale dedicata ai giovani: il desiderio è quello di metterci alla prova affacciandoci a un altro target. Mi è stato chiesto di sviluppare questo nuovo progetto e io voglio assolutamente avere successo con un prodotto che lasci il segno e che conquisti il mercato.

 Il tuo team è tutto giovanissimo.

Siamo un gruppo di ragazzi della stessa età più o meno e abbiamo messo in campo nuove idee e modi di vedere le cose che ci consentano di raggiungere i nostri obiettivi. Per esempio, anche la campagna marketing utilizzerà canali e strumenti molto vicini a un pubblico di giovanissimi: abbiamo scelto 80 influencer sui social Instagram e Facebook e 8 di Radio 105 che riceveranno a casa una box con i nostri capi, ma non si tratterà di una semplice scatola. Gli influencer non dovranno solo aprire un pacco per scoprire i prodotti, ma fare una esperienza originalissima che per il momento è top secret.

 I capi di UPW dove si potranno acquistare?

Attualmente si può comprare sul nostro e-shop all’interno del sito perché desideriamo avere un rapporto diretto con i nostri clienti. Sarà possibile scegliere tra t-shirt, pantaloni, felpe e giacche sportive realizzati in tessuti resistenti e dai colori ad alta visibilità, destinati a chi ama vestire in maniera comoda e spensierata, ma con personalità e allegria. E’ un progetto in cui credo tanto e che mi sta veramente a cuore, anche perché ho voglia di dimostrare ai miei genitori la mia riconoscenza e anche quanto valgo: i ritmi sono serrati, ma sono accompagnata da un forte entusiasmo e dal grande orgoglio di lavorare nell’azienda di famiglia.

 Un suggerimento alle ragazze della tua età che iniziano ad affrontare il mondo del lavoro?

Chiunque abbia voglia, dedizione, impegno e passione può riuscire a fare qualcosa di grande.

 

Post in evidenza

LO SPORT IN MANI INCOMPETENTI

ASSURDO! JACOBS E TAMBERI FUORI DALLA NOMINATION DEGLI ATLETI DELL'ANNO Se dovessimo scegliere una foto simbolo per festeggiare questo 2...