mercoledì 7 aprile 2021

JUDO

GRAND SLAM A TBILISI: MUNGAI ARGENTO E QUALIFICA PER TOKYO 2021

di Enzo De Denaro

Un superlativo Nicholas Mungai ha conquistato la medaglia d’argento nei 90 kg a Tbilisi, in un Grand Slam che è risultato decisamente brillante per colori azzurri. Dopo le medaglie messe al collo da Odette Giuffrida, oro nei 52 kg, e Francesca Milani, argento nei 48 kg, è arrivata anche il preziosissimo secondo posto di Mungai. Grazie a questo risultato l'azzurro sale al sedicesimo posto nella ranking list dei 90 kg, maturando così una posizione che ad oggi vale il pass per le Olimpiadi di Tokyo 2021. La situazione potrebbe cambiare soltanto in base ai risultati nelle quattro gare che mancano prima dei Giochi (24-31 luglio): il Grand Slam ad Antalya (1-3 aprile), gli Europei a Lisbona (15-16 aprile), il Grand Slam a Kazan (5-7 maggio) ed il Mondiale a Budapest (6-13 giugno).

MUNGAI—   A Tbilisi Mungai ha superato con successo l’inglese Jamal Petgrave, l'austriaco Harrison Cassar, l'uzbeko Davlat Bobonov e il mongolo Altanbagana Gantulga. In finale, di fronte allo svedese Marcus Nyman, Nicholas è rimasto intrappolato in un’azione a terra che si è conclusa con un’immobilizzazione che non gli ha lasciato scampo: "Finalmente sono riuscito a tornare sul podio -ha detto l'azzurro-. La finale è stata un po' un bagno di umiltà perché era davvero tanto che non perdevo così su un'azione di ne waza. La lotta a terra è uno dei miei punti forti e in questa finale ho capito che comunque si può sempre migliorare. Detto questo non posso nascondere di essere contento di come sono andate le cose oggi. Mi serviva questa medaglia, sia per i punti che per il morale. Sono contento di aver tenuto duro visti anche i vari problemi fisici che ho avuto negli ultimi due anni".

RIGANO—   Oggi ha gareggiato anche il 24enne siciliano Lorenzo Rigano che, nonostante la sconfitta subita dal cinese Hebilige Bu al golden score, ha dimostrato lo spessore che l’alto livello richiede.

ITALIA—   "Oggi Nicholas ha fatto una grande gara -ha sottolineato il coach azzurro Raffaele Toniolo- battendo nei quarti la testa di serie n. 1 Bobonov, fresco argento a Tashkent, ed in semifinale Gantulga, già battuto da lui al Mondiale, ma che lo aveva superato al Master. A Tel Aviv Mungai aveva perso soltanto con i due georgiani, tra i più forti della categoria, mentre a Tashkent con Toth, che è un altro valore assoluto. Questa di oggi è la conferma che il lavoro paga sempre e da domani si pensa ad Antalya, dove ci trasferiremo cercando di scalare ancora la classifica olimpica". Il lavoro della squadra azzurra, che a Tbilisi ha disputato per la prima volta tre finali per l'oro in un Grand Slam, prosegue dunque senza sosta e mentre parte della squadra domani farà ritorno in Italia, lo staff composto dal Dtn Kiyoshi Murakami, i tecnici Francesco Bruyere, Raffaele Parlati, Raffaele Toniolo, Alessandro Comi (Covid Manager) e Paolo De Persio (fisioterapista) si sposterà ad Antalya assieme a Giovanni Esposito, Nicholas Mungai e Francesca Milani, dove saranno raggiunti da Francesca Giorda (48), Kenya Perna, Martina Castagnola (52), Veronica Toniolo, Silvia Pellitteri (57), maria Centracchio (63), Alice Bellandi (70), Giorgia Stangherlin (78), Andrea Carlino, Fabio Aramu (60), Fabio Basile (73), Antonio Esposito, Christian Parlati (81), Gennaro Pirelli (90).

 

Post in evidenza

TEATRO COMUNALE CZ

 MOMENTO DI LEGGEREZZA TARGATO ENZO COLACINO