giovedì 15 aprile 2021

SALUTE E BENESSERE

OBIETTIVO PANCIA PIATTA: DIETA E MOVIMENTO

L’addome è uno dei punti critici che più ci affliggono quando viene la bella stagione: il fatto di non riuscire ad allacciare i jeans che lo scorso anno ci stavano a pennello è il segno inequivocabile che non si può più rimandare il momento di smaltire i cuscinetti di grasso accumulati durante l’inverno. Una pancia soda e piatta non è solo un fattore estetico che ci condiziona nella scelta degli abiti, ma un segnale di buona salute da conservare o riconquistare al più presto. Il grasso addominale è pericoloso per la salute e va affrontato con determinazione. 

BILANCIA SOTTO CONTROLLO – Per rimettere in forma un addome troppo abbondante non ci sono alternative: occorre dimagrire, ovvero mangiare di meno e muoversi di più. La dieta ci farà perdere grasso, non solo sulla pancia ma in tutto il corpo, dato che non è possibile attaccare i “rotolini” solo in certi punti. La ginnastica ci aiuterà a bruciare calorie e tonificherà i muscoli. Attenzione però: non tutte le diete sono uguali, così come non tutti i fitness sono altrettanto validi per perdere peso. Per dimagrire correttamente occorre adottare un regime alimentare equilibrato che ci faccia perdere peso in modo costante e ci insegni abitudini alimentari da conservare sempre. Sono da evitare le diete lampo, che fanno perdere peso troppo rapidamente: in breve tempo recupereremo tutti i chili persi, spesso con gli interessi. Le oscillazioni di peso hanno anche l’effetto di far perdere elasticità ai tessuti, lasciandoci alla fine con i tessuti flaccidi e, addirittura, con le smagliature. IL

MOVIMENTO – Oltre a perdere peso, la ginnastica è fondamentale. Per avere la pancia piatta non basta sfinirsi di addominali: occorre, come abbiamo detto prima, bruciare innanzi tutto il grasso superfluo. Per ottenere questo risultato ci si deve dedicare almeno tre volte a settimana a un’attività aerobica e cardio, come correre, camminare, andare in bicicletta. Non possiamo allontanarci da casa, causa restrizioni da pandemia? Saltare la corda in cortile o al parco, è un ottimo brucia grassi, oppure possiamo approfittare di una video lezione di zumba o di un allenamento online di cardio fitness. Poi, certo, una dose congrua di addominali farà la sua parte, per tonificare la muscolatura e ridefinire un punto critico. In ogni caso, il nostro obiettivo deve essere sempre il benessere generale di tutto l’organismo.

INTESTINO IN BENESSERE- L’intestino è il nostro secondo cervello e quindi merita tutta la nostra attenzione. Inseriamo nella nostra alimentazione una giusta quantità di fibre, per regolarizzare e favorire il transito intestinale e, con la guida di un nutrizionista, verifichiamo che non siamo portatori di intolleranze a determinati alimenti che, fermentando, possano creare gonfiore intestinale. Non dimentichiamo di bere almeno due litri di acqua al giorno e cerchiamo anche di tenere sotto controllo lo stress: gli stati di ansia e tensione eccessiva si ripercuotono spesso sul benessere dell’apparato digerente s in particolare sull’intestino. Per limitare il problema del gonfiore addominale dedichiamo almeno venti minuti ai pasti, evitiamo le bevande gassate e facciamo un po’ di movimento dopo mangiato prima di rimetterci alla scrivania.

L’IMPORTANZA DELLA POSTURA – Per combattere l’iper- rilassamento dei tessuti addominali occorre mantenere una buona postura. Per questo, impariamo a stare seduti, camminare e muoverci tenendo la schiena dritta e le spalle “aperte” e basse, senza infossare la testa. Impariamo anche a respirare correttamente, utilizzando la muscolatura toracica e quella addominale.

I COSMETICI – Esistono in commercio cosmetici appositi per rassodare i tessuti di pancia e fianchi. Non fanno miracoli, ma, se usati con costanza e abbinati a un buon massaggio manuale, possono essere d’aiuto. Il massaggio in particolare, anche con una semplice crema idratante o un olio naturale (ad esempio di mandorle dolci o di argan), può essere molto utile per idratare la pelle e restituirle elasticità, prevenendo le smagliature.

E SE NONOSTANTE TUTTO… - il nostro addome non ci soddisfa ancora, ricordiamoci che l’accumulo di grasso in certe parti del corpo dipende spesso da fattori ormonali e genetici, contro i quali c’è ben poco da fare. In ogni caso, teniamo sotto controllo la nostra pancia mantenendoci normopeso, non trascuriamo l’attività fisica per conservate una muscolatura tonica e compatta, conduciamo una vita sana e non trasformiamo le nostre curve in un cruccio: in fondo, sono le imperfezioni a renderci uniche.

 

Post in evidenza

VOLLEY MASCHILE

SUPERCOPPA A TRENTO. MONZA SCONFITTA di Gian Luca Pasini (fonte Gazzetta dello Sport) E dopo 3 anni abbondanti di astinenza (quasi 1000 gior...