sabato 17 aprile 2021

TENNIS ATP MONTECARLO

FINALE RUBLEV -TSITSIPAS

di Federica Cocchi (fonte Gazzetta dello Sport)

Al quinto ostacolo, Daniel Evans, è caduto. È Stefanos Tsitsipas il primo finalista del Masters 1000 di Montecarlo e si giocherà il titolo sulla terra del Principato a caccia del primo 1000 in carriera. Domani affronterà Andrey Rublev, che nella seconda semifinale ha battuto Casper Ruud, giustiziere di Fabio Fognini ai quarti, per 6-3 7-5. Escono di scena dunque le due “nuove proposte” del torneo che offre la finale tra i più altolocati dopo il k.o. di Djokovic e Nadal.

In campo con le bandiere britanniche a mezz’asta, in segno di lutto per il funerale del principe Filippo di Edimburgo, Evans non è riuscito a reggere ritmo e potenza del greco che lo aveva già battuto due volte negli incroci precedenti. Il primo set è voltato via, con break decisivo nel quinto gioco per il 3-2 di Tsitsi che ha nuovamente strappato la battuta a Evans nel game decisivo, sul 5-2 per andare a chiudere il primo parziale 6-2. Secondo set con il greco ancora aiutato dagli errori del 30enne di Birmingham, molto nervoso per questa prima volta in una semifinale di torneo 1000. Stefanos, davanti a tutta la famiglia riunita nel box, papà coach Apostolos, mamma Julia, i fratelli e la sorellina Elisavet, si è portato avanti subito 5-1, chiudendo la pratica in un’ora e per 6-2 6-1 e raggiungendo la finale senza perdere un set.

TRAVOLTO— Un bilancio che sottolinea la differenza tra i due: 21 i vincenti del greco contro gli 8 di Evans che ha regalato anche 20 gratuiti al rivale. “Ho trovato il modo di giocare al meglio, non pensavo che lo score sarebbe stato così comodo — ha detto Tsitsipas —, ma l’importante per me era essere solido come ho fatto per tutta la settimana. Pochi usano tanto lo slice come Evans soprattutto sul rosso, quindi ho dovuto pensare a come costruire lo scambio”.

RUUD SALUTA— Esce un po’ ridimensionato Casper Ruud dal match contro il russo numero 8 al mondo. Reduce dai tre set contro Nadal della sera prima, l’allievo di Fernando Vincente è stato più solido nei momenti importanti, segnando 21 vincenti contro gli 11 di Ruud: “Casper è un ottimo giocatore, sta crescendo molto - ha detto Andrey dopo il successo -, mi ha costretto ad alzare al massimo il livello di gioco. Contro Stefanos in finale mi aspetto una bella battaglia, spero che vi faremo divertire”.

 

Post in evidenza

LO SPORT IN MANI INCOMPETENTI

ASSURDO! JACOBS E TAMBERI FUORI DALLA NOMINATION DEGLI ATLETI DELL'ANNO Se dovessimo scegliere una foto simbolo per festeggiare questo 2...