sabato 8 maggio 2021

THAILANDIA

TITTI, LA MODELLA INDO CINESE DALLE NOTEVOLI DOTI

di Bruno Angelo Porcellona (fonte Nonsolomodanews)

Nonsolomodanews ha il piacere di presentare ai propri lettori la modella indocinese-thailandese Titti Deenan. Titti è in Italia dall’età di 15 anni. Dopo avere studiato ha compreso che il mondo della fotografia era il suo mondo e che poteva diventare qualcosa di più di un semplice hobby. Con tratti somatici differenti dalla quasi totalità delle modelle che lavorano in Italia, Titti si sta ritagliando uno spazio importante in questo mondo e non solo quello della fotografia ma dell’arte in generale. Non vogliamo togliere nulla alla bella e lunga intervista che tocca anche il periodo del lockdown e per questo lasciamo a voi lettori il piacere di leggere e scoprire Titti. Ringraziamo Titti e auguriamo ai lettori di Nonsolomodanews buona lettura.

Ciao, benvenuta su Nonsolomodanews, ti vuoi presentare? “Buongiorno gli amici di Nonsolomodanews, Innanzitutto mi chiamo Tittì e sono di origine indocinese-thailandese (mio padre è per metà indonese-cinese, mia madre invece è thailandese). Sono nata in Thailandia ed a 15 anni mi sono trasferita in Italia per motivi di studio. Le mie misure? 86-66 -96. Peso 53kg e porto il numero 38 di scarpe. Sono di origine asiatica ed ovviamente i miei capelli e i miei occhietti sono nerissimi”.

Quando è stata chiusa l’Italia, il blocco dove ti ha trovato e cosa stavi facendo? “Stavo a casa di un’amica per un aperitivo e devo dire sinceramente nessuna di noi ce l’aspettava dell’arrivo della notizia”.

Come ha influito sul tuo carattere il blocco? “Non ha sicuramente influito per nulla sul mio carattere e vivo la mia quotidianità con molta prudenza ed attenzione”.

Cosa ricordi di più di questo periodo? “Le immagini delle reazioni di molte famiglie che hanno perso i loro cari e mi piangeva il cuore”.

Con chi hai condiviso questo periodo? “Con la mia famiglia”.

A livello personale e di gusti, quale musica ti piace? “Country, pop, rock e latino-americana”.

Hai un artista preferito? “Sì, Fabrizio De Andrè”.

Qual è il tuo colore preferito? “L’ arancione e l’oro”.

Quali sono le tue passioni? “Viaggiare e ballare”.

Come ti sei avvicinata al mondo della fotografia? “Ho avuto la fortuna di conoscere un paparazzo professionista che mi ha coinvolto nel primo progetto e da lì ci siamo impegnati sempre di più, sviluppando sia le conoscenze che le esperienze che riguardano il ruolo dello spettacolo”.

Tu di origine thailandese. Che effetto fa essere modella con lineamenti differenti dalle italiane? “La cosa di cui mi sto rendendo conto è che il fatto che io abbia dei lineamenti diversi dalla maggior parte modelle mi ha reso una novità nei confronti del pubblico. Ma devo dire che alla fine ogni specie ed ogni tratto ha un suo fascino e una sua particolarità”.

Che cosa notano in te appena ti vedono? “Il mio sorriso e il mio lato b credo”.

Qual è il tuo punto forte? “Gli occhi e il lato b senza dubbio”.

Ti ricordi la prima volta che hai posato davanti a una macchina fotografica? “Sì, stavo andando all’università e all’ epoca lo facevo come un hobby e poi piano piano mi sono accorta di essermi innamorata delle fotografie”.

Che cosa ti da maggior soddisfazione in una fotografia? “Quando trovo una perfetta armonia all’ interno di una fotografia”.

Ci racconti la tua prima volta davanti alla macchina fotografica? “Mi ricordo la mia prima volta davanti alla macchina fotografica, è stato un macello. Non sapevo come posarmi e mi ero vergognata molto ma alla fine sono stata disfatta del risultato che mi ha portato”.

In una tua fotografia di ritratto che cosa noti immediatamente? “L’espressione prima di tutto e puoi inquadratura dell’immagine”.

Quali sono le tue sensazioni quando vieni fotografata? “Emozionata e trasmetto un feeling all’obiettivo della telecamera”.

Quali sono i generi fotografici che ti piacciono e perché? “Glamour e Nude naturalistico, perché per me una perfetta fotografia è quella dove si trova una sintonia ed armonia tra uomo nello stato puro con la bellezza della natura”.

Pensi che scattare gli stessi generi alla fine i fotografi non vogliono null’altro se non quel genere di fotografia? “Tutta la varietà, tutta la delizia, tutta la bellezza della vita è composta d’ombra e di luce. Nel caso nostro ovviamente è normalissimo che ci possano capitare diversi tipi di persone con cui abbiamo che fare. Come i fotografi di caratteri e con scopi diversi. La cosa più importante è quella di sapere gestire la situazione ed essere sempre chiara e determinata”.

Cosa significa per te femminilità? “Capacità di trasmettere sensazioni, sensualità, eleganza, intelligenza e determinazione”.

Qual è il capo di vestiario che ami di più e quello di meno? “Amo i vestiti lunghi con gli spacci profondi, perché questo rappresenta per me una perfetta combinazione fra eleganza e sensualità femminile”. Invece il genere che mi piace di meno è quello dei vestiti corti ed attillati”.

Scarpe basse o tacchi? “I tacchi con altezza non esagerata. Un paio di tacchi con una giusta altezza trasmette la sensualità Invece quelli con i tacchi molto alti trasmettono la volgarità.

Un accessorio che non manca mai quando esci da casa? “Orecchini”.

Qual è il tuo rapporto con la tecnologia? “Abbastanza positiva, perché amo delle novità e quindi seguo e sono sempre indietro le tecnologie nuove”.

Dovessi scegliere tra internet e smartphone, quale dei due scarteresti e perché? “Scarterei lo smartphone, perché più ci concentriamo sullo schermo piccolo più ci fa male alla nostra vista. E molte qualità e dettagli come le fotografie vengono ridotte”.

Come hai vissuto il periodo di chiusura dell’Italia? “Diciamo l’ho presa come una cosa positiva nei confronti della mia famiglia, passiamo le nostre giornate insieme a fare le attività dentro casa”.

Che cosa significa inseguire un sogno per te? “Tu hai una meta da raggiungere, dedica i tuoi impegni e le tue forze e vedrai che verrà realizzata”.

Ultima domanda, l’Italia si è riaperta, hai un pensiero da dedicare all’Italia, agli italiani e a tutte le persone che in questi mesi si sono dati da fare affinché l’Italia potesse riaprire? “L’ armonia e l’unione sono le uniche cose che ci fanno superare qualsiasi ostacolo, anche quello più difficile. Solo insieme vinceremo e supereremo tutto.



Post in evidenza

PIZZERIA DA CIRO

LA VERA PIZZA NAPOLETANA...DAL 1983 La vera pizza napoletana, un trasporto di emozioni, fatta di note e sapori da oltre  30  anni . Il mitic...