lunedì 12 luglio 2021

NBA

MILWAUKEE RIAPRE LA SFIDA. VINTA GARA 3

Una prova di forza corale. Una storia di riscatto, quella dei vari Holiday, Middleton, Portis, Tucker, vincenti e convincenti. E una storia di conferma: Antetokounmpo sta giocando delle Finals imperiali. Insomma, i Milwaukee Bucks vincono, anzi stravincono gara 3 delle Finals strapazzando Phoenix 120-110. Avanti anche di 25 punti, accorciando così le distanze nella serie, ora sull’1-2, dopo le due sconfitte nette patite in Arizona. Gara 4 è in programma nella notte italiana tra mercoledì e giovedì. I Bucks tirano un sospiro di sollievo: da sotto 0-3 non è mai “tornato” nessuno. Ora invece le cose si fanno interessanti…

GIANNIS DOMINA—Il greco si conferma un marziano. Sta giocando la miglior pallacanestro della sua vita durante i playoff durante queste Finals. Stavolta segna 41 punti in 38’, inventandosi persino straordinario realizzatore di tiri liberi: 13/17 dalla lunetta. Ci aggiunge 13 rimbalzi e uno strapotere fisico da onnipotenza cestistica. Stavolta la squadra gli dà una mano: non solo Connaughton, ma pure Holiday e Middleton in attacco, e Portis tra un litigio e l’altro, dalla panchina. La difesa dei Suns stavolta viene messa sotto. E Booker incappa in una inconsueta serata storta, marcato principalmente da Tucker: 3/14 al tiro, gioca appena 29’ con Coach Williams che lo tiene in panchina a riposare e riflettere nel 4° quarto, a risultato compromesso.

LA PARTITA—28-25 Suns a fine 1° quarto. Ayton con 12 punti, i Bucks fanno fatica a mettere in ritmo Holiday in attacco, con Teague che Coach Bud presenta in rotazione senza pudore nonostante sia una sciagura su entrambi i lati del campo. La buona notizia per Milwaukee: Tucker marca Booker e lo limita a 1/7 dal campo. Eppure gli ospiti tirano col 50%. Un parziale di 20-6 dei Bucks, trascinati da Antetokounmpo, li porta avanti 50-42. Addirittura 60-45 a fine primo tempo. Suns spazzati via, costretti ad un quarto da appena 17 punti. Giannis con 18. Ayton commette il 4° fallo ad inizio secondo tempo. E va in panchina. Coach Williams prova la zona difensiva, ma Giannis spacca tutto. La spazza via. Cam Johnson si trasforma in LeBron James per 5’ minuti e riporta a -4 i Suns, ma è un fuoco di paglia. Crowder e Portis “fanno amicizia” a modo loro, da ragazzacci. Poi Holiday ritrova il tocco dalla distanza, per la prima volta nella serie, mentre Antetokounmpo continua a imperversare in contumacia Ayton. Un 16-0 di parziale per chiudere il quarto trascina i Bucks avanti 98-76 a fine 3° parziale. Già finita. I Bucks vincono per k.o. tecnico. La prima gara di Finals interna in 47 anni a Milwaukee finisce tanto a poco. I Bucks tornano in corsa per l’anello, abbiamo una serie competitiva.



 

Post in evidenza

PIZZERIA DA CIRO

LA VERA PIZZA NAPOLETANA...DAL 1983 La vera pizza napoletana, un trasporto di emozioni, fatta di note e sapori da oltre  30  anni . Il mitic...