venerdì 24 settembre 2021

CECILIA ZANDALASINI

BASKET, FOTO E PITTURA

di Lucia Resta (fonte Gazzetta dello Sport)

Quando si parla di basket italiano femminile , almeno dal 2017 in poi, il primo nome che viene in mente è quello di Cecilia Zandalasini . È lei la cestista più amata dagli italiani e non solo, a dire il vero, visto che fin da giovanissima è diventata una giocatrice internazionale. A soli 21 anni è sbarcata nella WNBA e poi ha giocato per tre stagioni a Istanbul, nel Fenerbahçe . Ora è pronta per tornare in campo in Italia con la Virtus Bologna , ma intanto, prima ha fatto capolino nelle sale di doppiaggio... È infatti di Cecilia Zandalasini la voce del personaggio White Mamba , ispirato a Diana Taurasi, che lo doppia nella versione originale. Come Anthony Davis/The Brow, doppiato da Carlton Myers , è uno dei personaggi della squadra dei "cattivi" del nuovo Space Jam - New Legends , che si contrappone a LeBron James e i suoi amici Looney Tunes. White Mamba, come The Brow, è un clone computerizzato che fa parte della Goon Squad , ed è in grado di trasformarsi in un vero mamba mortale, in grado di scivolare, avvolgere e colpire l'avversario. Ricordiamo che il soprannome di White Mamba è stato dato a Diana Taurasi da Kobe Bryant in persona , perché la considerava la sua versione al femminile per il modo di giocare.

Grazie all'esperienza con Space Jam , dunque, Cecilia Zandalasini si è potuta avvicinare anche all' arte del doppiaggio , lei che è sempre curiosa e che ha trascorso la quarantena del 2020 tra pennelli, libri e macchine fotografiche. Infatti, tra una sessione di allenamento in casa e l'altra con pesi, elastici e tappetino, seguendo le indicazioni del preparatore atletico del Fenerbahçe, Cecilia ha potuto dedicare il resto del tempo alle altre sue passioni come la lettura , a un ritmo di 4-5 libri (anche di 600 pagine) al mese, il disegno , la pittura e la fotografia , passioni che continua a coltivare anche adesso che si sta tornando verso la normalità e gli allenamenti sono più frequenti.

Anche se ha solo 25 anni, Cecilia Zandalasini è sempre stata un fenomeno ed è da ormai molti anni che si parla di lei nel mondo del basket. Ha cominciato a giocare a 4 anni, per imitare papà Roberto e il fratello Andrea . Anche Andrea, che è nato sette anni prima di lei, ha giocato a basket da professionista, a Pavia, ma il suo "vero" lavoro ora è quello di architetto e ingegnere. A 13 anni Cecilia è andata a giocare alla GEAS di Sesto San Giovanni e a 15 è entrata nel mondo della nazionale, vincendo con l'Under-20 l'argento agli Europei di categoria da MVP. Molto presto è entrata anche nella nazionale maggiore e agli Europei 2017 tutto il mondo ha imparato a conoscerla e in Italia è esplosa la Zandamania quando, a soli 21 anni, ha trascinato la nazionale azzurra fino ai quarti di finale con il Belgio. Lei e le sue compagne hanno poi perso per un solo punto la finale per il 5° posto contro la Lettonia e vinto quella per il 7° con la Slovacchia. Ma tutti ricordano le sue imprese e anche le sue lacrime quando il cammino europeo si è interrotto e tutta Italia avrebbe voluto essere in campo lì con lei per abbracciarla.

Nata a Broni (Pavia) il 16 marzo 1996, Cecilia Zandalasini, con la sua altezza di 186 cm, gioca da ala piccola. Ha cominciato con le giovanili della GEAS Sesto San Giovanni vincendo il campionato nel 2011 e 2012, poi nel 2012 è tornata a Broni per una stagione e dal 2013 al 2014 ha giocato con la prima squadra della GEAS in A2 . Nel 2014 è passata alla Famila Basket Schio con la quale ha vinto tre scudetti, quattro Coppe Italia e quattro Supercoppe italiane in quattro stagioni. Dopo l'exploit degli Europei 2017, quando è stata inserita nel Dream Team della competizione intercontinentale, è stata notata anche dalla WNBA e il 29 agosto è approdata nelle fila delle Minnesota Lynx : è la più giovane italiana che abbia mai messo piede in WNBA ed è la settima in totale ad essere arrivata nel campionato americano, inoltre, dopo Catarina Pollini che ha vinto il titolo nel 1997 a Houston, è diventata anche la seconda italiana a conquistare l'anello con le Lynx il 5 ottobre 2017 . Nel 2018 è tornata in Europa e ha vestito per tre stagioni la maglia del Fenerbahçe , con cui ha conquistato due volte lo scudetto turco. Inoltre nella stagione 2019-2020 è stata inserita nell' All-Euroleague Women First Team .

Tra i suoi idoli ci sono Diana Taurasi, Maya Moore, che è anche stata sua compagna nelle Minnesota Lynx, Luka Doncic, Jason Tatum e ovviamente Kobe Bryant, di cui indosserà il numero (il 24) nella Virtus Segafredo Bologna , la sua nuova squadra. Cecilia Zandalasini ha giocato nella WNBA anche nel 2018 e sarebbe dovuta tornare anche nelle stagioni successive, ma nel 2019 e 2021 è stata fermata da piccoli infortuni e nel 2020 non si è mossa a causa della pandemia. Dopo gli Europei di quest'anno, infatti, ha dovuto sottoporsi a un intervento al piede , ma adesso tutto è superato e Cecilia è pronta per la sua nuova avventura con la Virtus a proposito della quale ha detto: "Sono felice di tornare in Italia e di vestire la maglia della Virtus, a Basket City. L’esperienza in Turchia mi ha aiutato sotto tutti i punti di vista, mi sono dovuta adattare ed è qualcosa che mi ha aiutato a crescere in una squadra dal livello molto alto. Ho imparato tantissime cose, sono contenta di tornare in un campionato che sta crescendo sempre di più e che sarà divertente giocare. È una bella sfida ".

Post in evidenza

TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO

POST MUTO 🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️🤦🤦🤦🤦🤦