lunedì 27 settembre 2021

INDYCAR 2021

ALEX PALOU COINQUISTA IL TITOLO

di Simone Gervasio (fonte Gazzetta dello Sport)

A Long Beach nell’ultima tappa stagionale della serie, il pilota della Chip Ganassi si laurea campione. È la prima volta per lui e per la Spagna Alex Palou è il nuovo campione IndyCar 2021. Un titolo frutto di una strepitosa costanza tenuta dallo spagnolo per tutta la stagione che con tre vittorie e otto podi si è tenuto alle spalle tutti gli avversari. A Long Beach nell’ultima gara gli è bastato gestire, cogliere un quarto posto e approfittare del ritiro di O’Ward per vincere un campionato in cui non partiva da favorito, ma che ha saputo far suo gara dopo gara.

IL CAMPIONE—A 24 anni è un sigillo storico per lo spagnolo, il primo iberico a trionfare in IndyCar, un sogno divenuto realtà alla sola seconda stagione nella serie americana. Palou ha corso in carriera in Giappone per due anni, finendo terzo già da rookie nella Super Formula. Per il nativo di Sant Antoni de Vilamajor, non distante da Barcellona, si tratta del primo titolo da quelli vinti quando gareggiava nei kart. Il pilota della Ganassi è stato scoperto da Salvatore Gandolfo, un imprenditore italiano che con la sua Mim scopre nuovi talenti e li lancia nel mondo delle corse. Anche grazie a lui, e ai risultati in Sol Levante, Palou ha debuttato nel 2020 in IndyCar gareggiando per la Dcr. Le sue prestazioni sono state subito ottime tanto che già alla terza gara in America lo spagnolo è salito sul podio. La scuderia dei campioni, la Chip Benassi, allora non poteva che interessarsi a lui offrendogli un contratto pluriennale. E il resto è storia e lo spagnolo ha voluto ringraziare tutti quelli che l’hanno resa realtà. “Che gara, che anno, che stagione! Ci sono stati momenti in cui mi sembrava tutto un sogno, ma alla fine è tutto vero. Un sogno completato al 100%. Sono orgoglioso di essere il campione e dell’opportunità che mi è stata data. Salvatore è stato una fonte di ispirazione per me, lo devo ringraziare, così come Chip Benassi. Quando sono arrivato nel team, mi ha detto che avrei dovuto vincere il campionato, così per mettermi pressioni da subito…Gli piacciono i vincenti, quindi devi abituarti subito. Se non lo sei, con lui avrai problemi. E io ce l’ho fatta, ma ora voglio subito un nuovo titolo”, ha detto Palou.

RECORD—Palou è il settimo campione Indy più giovane della storia. Il numero dieci del Team Ganassi si è aggiudicato un campionato combattuto fino alla fine. In California si è presentato con 35 punti di vantaggio sui suoi più diretti inseguitori, gli bastava un undicesimo posto e se n’è preso un quarto, con una gara da campione navigato. “Credo che la costanza sia stata la chiave di questa stagione. Ho vinto quando potevo vincere e sono arrivato sul podio quando la vittoria era fuori dalla mia portata. Ma questo è solo il primo passo, già non vedo l’ora di correre la prossima stagione, voglio stare qui per molti anni”. Il suo rivale principale Pato O’Ward ha avuto una gara da dimenticare. Dopo un contatto al primo giro, il messicano ha accusato un problema meccanico che lo ha costretto al ritiro. Sfuma per il 22enne la chance di portare per la prima volta il titolo in Messico, in un weekend davvero disastroso per la sua Arrow McLaren e per i cugini della F1. Con questa affermazione, il team Ganassi sale a 14 campionati vinti con 6 piloti, a 25 anni dal primo successo targato Jimmy Vasser. Lo spagnolo si unisce a una lista ricca di piloti talentuosi come Zanardi, Montoya, Franchitti e il suo compagno di squadra Dixon, sei volte campione e ultimo a vincere nel 2020.

LA GARA—In quella che era la prima volta di Palou a Long Beach, a vincere è stato Colton Herta, uno per cui queste curve non hanno segreti. Già lo scorso anno Herta si era assicurato il successo nella gara di casa, ora il bis, con la terza vittoria stagionale. Dietro di lui, è arrivato Josef Newgarden, secondo alla bandiera a scacchi e nella classifica finale, terzo Scott Dixon. Sorride anche Scott McLaughlin che ha agguantato il premio di debuttante dell’anno, anche se alla fine il sorriso più grande è quello di Alex Palou, una nuova stella nel firmamento del motorsport mondiale.

CLASSIFICA FINALE—   Questa la graduatoria finale della stagione 2021:

Alex Palou 549 punti

Josef Newgarden 511

Pato O’Ward 487

Scott Dixon 481

Colton Herta 455

Marcus Ericsson 435

Graham Rahal 389

Simon Pagenaud 383

Will Power 357

Alexander Rossi 332


 

Post in evidenza

TUTTO ED IL CONTRARIO DI TUTTO

POST MUTO 🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦🤦✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️✔️🤦🤦🤦🤦🤦