lunedì 29 novembre 2021

INVERNO IN ARRIVO

ALLENATI COSÌ

Freddo, pioggia, nebbia, ma anche tante giornate di sole che aiutano corpo e mente a superare il periodo, ridurre la depressione, far correre il metabolismo, alzare le difese immunitarie. Eh sì perché lo sport fatto in esterno in ogni stagione è sempre più di tendenza. E molte realtà si sono attrezzate per offrire proposte all’aria aperta e far provare qualcosa di nuovo. Vediamone insieme qualcuna.

Non perderti le Newsletter di Gazzetta

Al parco la remise en forme è con il sorriso. Mamme nell’era Covid: che esperienza! Chi ha partorito in questo periodo di pandemia, oltre alla normale routine, si è ritrovata a dover rinunciare a molte cose. Ora piano piano si cerca di tornare alla normalità, anche nell’allenamento. “Da settembre 2021sono ripresi i corsi nei parchi delle principali città italiane – spiega Monica Taranto,istruttrice di fitness e yoga, fondatrice dei programmi di allenamento MammaFit, l’associazione (ASD) che organizza attività sportive per mamme con bimbo di età compresa fra sei settimane e tre anni -. Tornare presto in forma dopo la gravidanza è desiderio comune: il fitness mamma-bambino è una grande opportunità. Tante idee divertenti per bruciare calorie e non da sole. L’originalità sta proprio nel potersi allenare insieme a una persona non iscritta al corso ma ugualmente partecipe: il bebé. Non necessitano nonne né baby-sitter: il bimbo, nel passeggino, segue la mamma negli allenamenti in cui si affrontano originali programmi studiati ad hoc. E’ una ginnastica basata su esercizi di allungamento, tonificazione, cardio, si utilizzano i “muscoli della mamma” cioè pavimento pelvico, addominali,schiena, messi a dura prova dalla gravidanza. Con un occhio particolare anche al benessere psicofisico. 

Dopo il fisiologico periodo di riposo di cinque settimane si può riprendere l’attività sportiva. Il corpo ha subito dei cambiamenti, spesso difficili da accettare: la pancia è ancora un po’ evidente, le gambe pesanti e magari con problemi di ritenzione idrica, si notano cuscinetti su fianchi e glutei. Con movimenti specifici e un buon regime alimentare, si ritorna in forma con il sorriso. E l’umore ringrazia. Un’ultima raccomandazione riguarda l’abbigliamento di mamma e bambino: quello della prima, deve essere a cipolla, studiato per le attività outdoor. Il bambino nel passeggino non si muove, bisogna tenerlo al caldo e favorire il pisolino che di sicuro si farà”. 

SI CORRE, MA NON IN MODO “CLASSICO”

—   

La novità si chiama Virgin Active Running Experiencee va alla grande già in 10 città italiane: Milano, Torino, Genova, Bologna, Roma, Firenze, Venezia, Napoli, Palermo, Catania: ci si dà appuntamento al Club, poi si parte per un’esperienza singolare. “Un programma di allenamento unico – spiega Ilario Volpe Training Experience Director di Virgin Active, l’ideatore – nato dalla grande richiesta di ritorno al running sviluppatosi durante il lockdown, tridimensionale, da vivere in modalità diverse, allineata su tutti i canali Virgin Active: outdoor e con l’esperienza digitale revolution-fitnessattraverso i nuovi format, series e podcast. L’allenamento outdoor unico in Italia con questa struttura, si svolge in gruppi di massimo 20 partecipanti, e prevedequattro programmi di allenamento:walking, una classe propedeutica alla corsa per chi vuole camminare, ma farlo bene con un esperto che guida e orienta; tecniquecon un workout completo a 360°, allenamento non solo propedeutico, ma anche volto a abilità e capacità motorie: performance, speed run, long runper chi già corre, ma vuole migliorare prestazioni, lavorare sulle ripetute prepararsi alle maratone, al trail, trovare divertimento e benessere nell’attività del running. L’ultimo è il livello alto, riservato a chi ha già grande familiarità con la corsa, ma cerca la perfezione. C’è anche il programma Burn, bruciagrassi, solo in digitale, riservato all’interval training.

Ogni gruppo si allena sotto la guida di un coach e di un pacer che fa da battistrada nella corsa: due figure che rappresentano un nuovo modello sportivo, in grado non solo di guidare le prestazioni dei partecipanti, ma anche di motivarli affinché raggiungano il benessere mentale oltre che fisico. E l’esperienza non finisce outdoor, continua se si vuole anche all’interno, nei club: basta salire sul tappeto e iniziare l’esperienza podcast, un nuovo modo di allenarsi affidandosi unicamente all’ascolto della voce del singolo trainer. A Milano, per chi vuole praticare running indoor,con le modalità del programma c’è il Running track indoor da 160 mtrealizzato in partnership con adidas,nel nuovo club di Milano Bocconi, unica realtà in Italia con una pista di running all’interno. Tanti i benefici: la corsa è attività completa, che non fa perdere muscoli: associata a altre attività, a  un’adeguata alimentazione dà grandi soddisfazioni a corpo e mente”. 

E’ la proposta di Ego Wellness Resort storico club che nella magia della campagna toscana ha realizzato una grande palestra a cielo aperto di 14.000 metri quadrati, previsto attività outdoor in una magnifica area dedicata, oltre alle tante fatte nella palestra indoor, in totale sicurezza, nel totale rispetto delle regole. Il creare un’alternativa esterna non sostituisce lo sport fatto nella palestra internané è area riservata a chi ancora non si fida dello sport al chiuso, sicuro e garantito: era un sogno nel cassetto di Renato Malfatti, fondatore e CEO, da 39 anni, di Ego Wellness Resort. Il Covid ha solo accelerato la realizzazione. Tante le attività in questa palestra a cielo aperto, ma noi ci soffermiamo su quella corpo-mente per eccellenza: nel “The Wellness Temple”, un’area incantata di oltre 700 metri quadrati all’interno di un piccolo bosco di altissimi tigli, una sorta di tempio naturale in cui svolgere ogni tipo di attività immersi in un’atmosfera magica. Uniche le lezioni di yoga e pilates: totale benessere, riscoperta interiore in mezzo al verde, cullati dai suoni della natura. E il freddo certo non si sentirà.

Post in evidenza

TENNIS AUSTRALIAN OPEN

NADAL TROPPO FORTE. BERRETTINI BATTUTO. di Federica Cocchi (fonte Gazzetta dello Sport) È un peccato, Berrettini. Una sconfitta netta, tropp...