sabato 18 dicembre 2021

NUOTO MONDIALI VASCA CORTA

QUADARELLA E RIVOLTA D'ORO. BRONZO PER LA STAFFETTA MISTA

di Stefano Arcobelli (fonte Gazzetta dello Sport)

Ai Mondiali in vasca corta di Abu Dhabi, magnifico Rivolta, l'Italia e la farfalla delle meraviglie: dopo il trionfo di Alberto Razzetti nei 200, adesso Matteo Rivolta vince i 100 un 48"87 spezzando la serie di quattro ori consecutivi di Chad Le Clos, il sudafricano battuto anche a fianco 49"04, bronzo al russo Minakov 49"21. "Sono davvero felice, è stata una grande gara e ho battuto un grande campione" ha detto il trentenne milanese che vanta il record italiano di 48"64. E' la prima medaglia mondiale azzurra nella specialità. Rivolta all’uscita dall’acqua: “Mi fa molto piacere gareggiare con Chad di fianco. E' una vita che cerco di farlo allo stesso livello, oggi sono riuscito per la prima volta a mettere la mano davanti. A livello di prestazione onestamente pensavo di essere più veloce. È stata una stagione ricca di emozioni, sia professionali che personali, ricca di cambiamenti. Sono molto felice”.

SUPER SIMO—Dopo la medaglia olimpica anche quella medaglia mondiale (bis): nel giorno dei 23 anni, Simona Quadarella conquista il bronzo negli 800 e si fa il regalo più bello davanti a papà Carlo arrivato da Roma e alla sorella Erica arrivata da Gedda. L'allieva di Christian Minotti che l'allena all'Aniene compie una grande prodezza, anche se scende di un gradino rispetto al 2018. Simona è quarta ai 100 e 200 (58"91, 2'00"06), ai 300 è virtualmente sul podio (3'01"38) avendo superato la tedesca Isabelle Gose, la vice Kohler che qui non è fatta vedere. Il passaggio di metà gara è interessante (4'02"87), davanti la cinesina non dà segnali di cedimento, mentre Simona tiene il suo ritmo senza pensare alle altre. Ai 500 passa in 5'04"28, ai 600 in 6'05"75, ai 700 in 7'07"49 e lancia l'ultimo attacco al secondo posto della russa Kirpichnikova che l'aveva battuta a novembre agli Europei di Kazan. Sarà bronzo in 8'07"99. La cinese trionfa col record dei campionati in 8'02"90, la russa è argento in 8'06"44, la Caraignoli sesta in 8'17"60. Le prime parole di Simona: “E’ stata una gara molto veloce, sono riuscita ad abbassare non di molto ma di poco il mio personale. Non facevo questi tempi da 3 anni, dal 2018, sono contenta così, non era facile prendere una medaglia. Sono felice che in tribuna ci fossero mio padre Carlo e mia sorella Erica".Le parole di Martinenghi sintetizzano l'impresa della staffetta: "E' stato divertente, più che altro. Prima della gara c’era un clima di felicità, siamo arrivati con una buona mentalità. Personalmente penso di aver fatto molti errori in gara, ma non importa. È un bronzo mondiale importantissimo. Abbiamo ancora qualcosa da dare".

STAFFETTA DI BRONZO—La terza medaglia azzurra di giornata (8 globali finora) matura nella 4x50 mista uomini e donne: è un favoloso bronzo in 1’37”29 dietro l’Olanda da record dei campionati in 1’36”20 e gli Usa in 1’37”04. Il quartetto azzurro precede la Russia campione del mondo con il dorso di Lorenzo Mora 23”28, la rana di Nicoló Martinenghi 25”60, il delfino di Elena Di Liddo 24”91 e lo stile libero di Silvia Di Pietro 23”50. Un quartetto vivace e compatto cha ha saputo trovare l’alchimia giusta. Il protagonista della prima giornata ai Mondiali di nuoto in vasca corta di Abu Dhabi risponde al nome di Alberto Razzetti. Non solo per quanto riguarda la squadra italiana, visto che il 22enne di Lavagna ha ottenuto due medaglie nel giro di pochi minuti, la prima d'oro nei 200 farfalla (in 1'49"06) e la seconda di bronzo nei 200 misti (1'51"54).  Entrambe coincidono con due record italiani, ma soprattutto permettono al tricolore di sbloccarsi ed eleggere un nuovo campione del mondo. La splendida e inaspettata vittoria di Razzetti è arrivata davanti allo svizzero Noe Ponti e al sudafricano Chad Le Clos. Le parole di Razzetti al nostro Stefano Arcobelli

PANZIERA DELUDE—   Margherita Panziera, campionessa europea dei 200 dorso,è quinta in 2'03"20: migliora rispetto alla batteria di 2'04"58 ma non riesce ad inserirsi nella lotta per le medaglie, passando quinta in 1'00"18. L'azzurra nella seconda parte prova a recuperare ma solo con il suo personale di 2'01"45 sarebbe salita sul podio, che vede l'americana Ryan White d'oro in 2'01"58, la canadese Kylie Masse d'argento in 2'02"07 e l'altra americana Isabelle Staddem di bronzo in 2'02"20.

 

Post in evidenza

TENNIS AUSTRALIAN OPEN

NADAL TROPPO FORTE. BERRETTINI BATTUTO. di Federica Cocchi (fonte Gazzetta dello Sport) È un peccato, Berrettini. Una sconfitta netta, tropp...