martedì 11 gennaio 2022

DISTORSIONE AL POLSO

COME GUARIRE VELOCEMENTE

(fonte Gazzetta dello Sport)

La  distorsione del polso, è un  evento traumatico comune, che avviene in seguito ad una caduta accidentale in cui la mano subisce uno stress oltre il suo limite fisiologico di movimento. Ne risulta una difficoltà di movimento, dolore e gonfiore. Seppure, in prima battuta, questa condizione possa risultare davvero limitante, non ti preoccupare, la prognosi è benigna e le possibilità di recupero completo sono molto alte.

SLOGATURA DEL POLSO: COME AVVIENE? —Il meccanismo lesionale ricorda quello di una distorsione alla caviglia. Infatti, anche per il polso, l’articolazione viene forzata in un range di movimento estremo, come una  caduta con le braccia estese e le mani aperte, in cui il  polso viene piegato indietro  per proteggere l’atterraggio. Non tutti i traumi però esitano in una distorsione, alcune volte il dolore molto forte può passare nel giro di pochi giorni, oppure in assenza di gonfiore si possono percepire dei “click” durante il movimento. Altre volte invece, dal trauma si può generare uno  stiramento, e nei casi più gravi una rottura, dei tessuti molli circostanti che agiscono da stabilizzatori, i  legamenti.

Vediamo quindi di capire quali sono i sintomi di un polso slogato.

DISTORSIONE AL POLSO: I SINTOMI

 Dolore, intenso e acuto nel momento del trauma, che tende a scendere nei giorni successivi. Il movimento porta ad un aumento del dolore (soprattutto a fine range) e talvolta (nei traumi più importanti) può essere presente anche a riposo.

 Gonfiore, oltre al polso potrebbero gonfiarsi la mano e le dita, ma non è sempre uguale. A seconda dell’entità del gonfiore potresti sentire una sensazione di pesantezza e intorpidimento alla mano.

 Sensazione di instabilità, non è rara la sensazione che  qualcosa sia andato fuori posto, che il polso non sia più stabile durante il movimento e possa cedere, soprattutto se gli si oppone una resistenza.

 Perdita di forza, il movimento ed i gesti più semplici  come prendere una bottiglia di acqua, potrebbero risultare difficili a fronte di una maggiore debolezza.

Solitamente  la distorsione al polso non porta conseguenza importanti e se lasciata a riposo alcuni giorni,  guarirà da sé.  Qualora la situazione non dovesse migliorare ed uno dei sintomi elencati dovesse persistere o ripresentarsi con maggiore aggressività è possibile che sia avvenuta una lesione a carico dei diversi tessuti  e la guarigione spontanea non è più sufficiente  a ripristinare il danno. Infatti, la storta al polso può associarsi a  lesioni legamentose e dei tessuti molli,  fratture delle ossa del carpo e/o dell’avambraccio, avulsioni tendinee e dislocazioni articolari Le complicanze di una distorsione di polso possono essere varie e  devono essere scrupolosamente valutate  da una figura competente, come un  medico  o un  fisioterapista specializzato, per  escludere la presenza di lesioni gravi  che prevedano diversi approcci riabilitativi o chirurgici.

DISTORSIONE AL POLSO: CURA E RIMEDI —La distorsione al polso può essere trattata con successo da un fisioterapista. Infatti,  distorsioni severe, che non guariscono rapidamente, non associate alle complicanze viste sopra, richiedono solitamente un aiuto per guarire e  il trattamento conservativo ha un’ottima efficacia nel ridurre il dolore e recuperare la funzione. Il percorso riabilitativo avrà come obiettivi generali la  gestione del processo infiammatorio, il ripristino del movimento limitato  dal dolore e il  rinforzo dei muscoli  globali di avambraccio, polso e dita. La combinazione di terapia manuale ed esercizi è fondamentale per ottenere un risultato nel lungo termine e mantenere quindi gli obiettivi raggiunti.

Tendenzialmente una storta al polso non comporta un lungo percorso riabilitativo e  nei casi più frequenti, i più lievi, la situazione tende spontaneamente a risolversi in  una decina di giorni. Qualora questo non dovesse accadere, e le ragioni possono essere molteplici, dalla severità della lesione ad un mancato rispetto dei tempi di guarigione, è  importante rivolgersi ad un professionista della riabilitazione per ricevere una valutazione del proprio problema. Una volta escluse spiacevoli complicanze e intrapreso il  percorso riabilitativo  dovresti cominciare a vedere da  subito i primi risultati  e nel giro di  4-6 settimane  esserti  ripreso al 100%.


 

Post in evidenza

IL LIBRO

IL PESO DELLA VERGOGNA In soli tre mesi Annabella è rimasta completamente orfana, perdendo prima i genitori, in un incidente stradale, e poi...