lunedì 7 marzo 2022

COME SPIEGARE LA GUERRA AI BAMBINI

LE PAROLE DA USARE

di Fabio Guarino (fonte Tgcom)

Non si può tacere. Neanche con loro. I bambini hanno il diritto di capire che cosa significa la guerra, quale distruzione porta e perché nel mondo globale qualsiasi conflitto, anche quello che ci appare il più lontano, avviene sempre «dentro casa nostra». E non altrove.  Serve gradualità, delicatezza, empatia: ma le risposte vanno date, anche nella gravità della situazione, senza nasconderla. Le atrocità della guerra sono complesse da spiegare. Con i bambini si preferirebbe non doverne mai parlare. Eppure, in momenti come questi, dove notizie dal fronte con foto, video e reportage dell’invasione russa in Ucraina compaiono ovunque, diventa quasi impossibile farne a meno. I piccoli percepiscono immediatamente l’ansia e la paura provata dai più grandi e al contempo, comprendono se in ciò che gli viene detto ci sia sincerità. Ed è per questo che bisogna essere il più delicati e autentici possibile. Ma come spiegare la guerra ai bambini nella maniera più efficace e senza amplificare le loro emozioni?

Innanzitutto, nel momento in cui si voglia affrontare un discorso del genere, l’ideale sarebbe ascoltare quali sono i dubbi dei bambini e in seguito cercare di dare delle risposte pertinenti. Pertanto, di fronte a dei bimbi in tenera età, meglio spiegare la guerra leggendo delle fiabe in cui essa è menzionata oppure attraverso letture per bambini dove ciò è romanzato e viene raccontato più da un punto di vista emotivo che pratico.

DOBBIAMO SPIEGARE LA GUERRA AI BAMBINI?

I bambini, soprattutto negli anni prescolastici, è giusto che vengano schermati da argomenti duri e difficili da affrontare, affinché notizie come la guerra non impattano in maniera negativa sul loro stato emotivo. Tuttavia, è pur sempre vero che le nuove generazioni se escluse da determinate realtà, potrebbero mancare in futuro di quella empatia nei confronti di ciò che li circonda. E questo infatti può sfociare in un problema di natura sociale che potrebbe portare ad un’apatia e ad un disinteresse per le condizioni di coloro che sono in difficoltà e in cerca di aiuto. Per evitare che ciò accada, è necessario informare i bambini che la guerra è tutt’altro che necessaria. Piuttosto, è una scelta, così come lo è quella di aiutare gli altri, di fare solidarietà o fare la pace. E ciò può avvenire in un’unica maniera, ovvero educando al rispetto reciproco, insegnando l’importanza dei valori e dell’ardua conquista dei diritti umani, e avvicinando i bambini alla coesione, alla diversità culturale e alla condivisione.

COME RACCONTARE LA GUERRA AI BAMBINI

Come si può ipotizzare, non esiste una traccia da seguire per raccontare la guerra ai bambini. E al contempo, è anche errato cercare di dare una soluzione superficiale. Infatti, un argomento di tale portata non può essere espresso con parole generiche e frettolose. Questo perché i piccoli necessitano di una spiegazione chiara, coincisa e reale di cosa è e cosa comporta un conflitto armato, seppur in maniera delicata, empatica e da un punto di vista soprattutto emotivo. Ad esempio, meglio tralasciare il tema della morte, a meno che non sia espressamente chiesto dai bambini. Inoltre, cercare di trovare delle risposte adeguate e vicine ai piccoli, utilizzando termini di paragone come un evento accaduto in famiglia o a compagni di scuola.

I CONSIGLI DI SAVE THE CHILDREN PER SPIEGARE LA GUERRA AI BAMBINI

Da decenni attivi sul campo ad offrire soccorso umanitario in qualsiasi luogo martoriato da guerra, fame e piaghe di questo mondo, Save The Children è un barlume di speranza in tutti i paesi in difficoltà. A tal proposito, questa No Profit ha espresso dei consigli pratici su come spiegare la guerra ai bambini. Innanzitutto, è importante selezionare le notizie in famiglia e spiegarle con chiarezza ai bambini senza lasciare che la moltitudine di comunicazioni ansiogene devasti la loro psiche. In particolare, meglio comprendere cosa sanno già a riguardo e in caso implementare la loro conoscenza o correggere inesattezze apprese altrove. Un metodo molto efficiente è anche quello di suggerire libri sulla guerra e sulla pace. Save The Children consiglia anche a scuola di dedicare del tempo sull’informazione didattica sul tema della guerra. Infine, le storie personali colpiscono nel profondo delle persone. Per questa ragione, è consigliato lasciare che i coetanei raccontino le loro testimonianze.

PENSIERI SULLA GUERRA PER BAMBINI

Quando si è dinanzi alla guerra e alle ostilità sembra che nulla possa esprimere questo dolore senza colpire i bambini. Ma alcuni hanno tentato di dare qualche spiegazione per raggiungere anche i più piccoli. Ecco tre pensieri sulla guerra per bambini:

Ci sono cose da non fare mai,

né di giorno né di notte,

né per mare né per terra:

per esempio, la guerra

Gianni Rodari

Non c’è mai stata una guerra buona o una pace cattiva

Benjamin Franklin

La tolleranza è la virtù che rende possibile la pace. E solo i bambini la praticano.

 

Post in evidenza

MASTER CHEF

CROQUE MONSIEUR ALLA FRANCESE Il croque monsieur alla francese è un sandwich grigliato realizzato con prosciutto e formaggio. È abbastanza s...