venerdì 5 agosto 2022

AUGURI A

J-AX

La pace fatta con Fedez, coronata dal concertone a Milano di qualche settimana fa, un podcast di cui va fiero, "Non aprite quella Podcast", che si confronta in modo "ironico e irriverente" con casi di cronaca nera e poi un figlio, avuto nel 2017 con Elaina Cocker, i tanti riconoscimenti da solista, il ruolo di coach nel talent "The Voice" e le collaborazioni prestigiose con i grandi nomi della musica. Al traguardo dei suoi 50 anni, J-Ax, pseudonimo di Alessandro Aleotti, arriva con un bel bagaglio di esperienze di successo e... qualche debacle. "Di testa non mi sento tanto diverso, forse una certa maturità... magari ecco penso un po’ di più prima di agire e sono diventato meno impetuoso", così racconta il cantante in una intervista al Corriere della Sera in occasione del suo compleanno aggiungendo: "Dietro di me? Più errori e fallimenti che scelte giuste, ma per fortuna non vedo rimpianti. Ho raggiunto il culmine della realizzazione negli ultimi anni e considerato che cambiando ogni errore cambierei il risultato, non cambio nulla". Errori e fallimenti, come spiega l'artista: “Scelte sbagliate, dischi sbagliati, esperimenti riusciti male", ma anche tanti successi, che J-Ax ha collezionato nell'arco di oltre 25 anni di carriera. 

Si è avvicinato al rap quando era ancora minorenne, trovando nell'hip hop lo strumento migliore per manifestare tutta la sua frustrazione contro una società che faticava ad accettarlo, ha mosso i primi passi sul palco quando era ancora giovanissimo, dando vita prima agli Articolo 31 con l'amico DJ Jad e poi intraprendendo una carriera da solista, nel 2006, che lo ha portato puntualmente in cima alle classifiche con ogni nuovo progetto. Tranne che con il suo disco d'esordio, "Di sana pianta", budget altissimo e 30mila copie vendute contro le 300mila previste. "Come ho vissuto quel momento? Iniziai a drogarmi come un pazzo, stetti malissimo", ha raccontato il rapper. Che nell'intervista al Corriere aggiunge: "Come rimpianto personale ho quello di aver perso tempo da giovane dietro dei cliché: droghine, ubriacarsi, fare festa. Evitandole magari avrei avuto più tempo per migliorarmi".

Il 1992 è l'anno del singolo di debutto degli Articolo 31, "Nato per rappare/6 quello che 6", seguito nel 1993 dal primo album in studio "Strade di città", uno dei primi album rap in lingua italiana, di cui fa parte la sua prima hit, "Tocca qui". Nel 1994 uscì il secondo album in studio "Messa di vespiri", contenente tra gli altri anche un pezzo dedicato alla marijuana, il famoso "Ohi Maria" con il quale  il duo milanese si aggiudicò l'anno successivo il premio Un disco per l'estate.  Il 14 maggio 1996 venne pubblicato il terzo album "Così com'è", successo commerciale grazie al singolo "Tranqi Funky". Il quarto album "Nessuno", due anni dopo, preceduto dal singolo "La fidanzata", contenente un campionamento della voce di Natalino Otto nel ritornello, che contribuì al successo della canzone. Con questo singolo nello stesso anno il rapper vinse gli MTV Europe Music Awards come Best Italian Act. Parallelamente all'uscita dell'album, J-Ax diede alle stampe il suo primo e unico libro, "I pensieri di nessuno", raccolta di pensieri in cui rivisita la sua vita e i cambiamenti che il successo gli ha portato.

Nel 2001 un importante collaborazione con gli 883 nel brano "Noi parte 2", mentre il 2002 segna la svolta rap rock e punk degli Articolo 31, con la pubblicazione del sesto album "Domani smetto" (le cui sonorità sono curate da Ax stesso) il 29 marzo, trascinato dal singolo omonimo; in questo album il nome del gruppo viene indicato come Articolo 31 - J-Ax, per indicare che quest'ultimo ha curato interamente musiche e testi. Il 14 novembre 2003 viene pubblicato il sesto e ultimo album in studio del duo, "Italiano medio".

Nel settembre del 2006 J-Ax e DJ Jad decidono di dedicarsi a progetti solisti mettendo fine all'attività degli Articolo 31.

La carriera da solista di J-Ax comincia nel 2006 con il flop di "Di sana pianta" e una serie di collaborazioni con Chief, Space One (tutti membri del collettivo Spaghetti Funk, SF), Gué Pequeno, Jake La Furia e Marracash.

Il 28 aprile 2007 J-Ax si sposa con la fotomodella statunitense Elaina Coker, mentre il 15 settembre dello stesso anno ritorna sul palco con DJ Jad in occasione dell'MTV Day 2007 di Milano, cantando un medley dei loro più grandi successi ai tempi degli Articolo 31. 

Con il terzo album da solista, "Deca Dance", uscito nel 2009, al quale collaborano anche Jovanotti, Marracash e Pino Daniele, tributo agli anni ottanta e ai loro miti e con Rap n' Roll J-Ax raggiunge e supera le 100.000 copie vendute. 

E' del 2010 invece la collaborazione con il cantautore Neffa al progetto "Due di Picche", album che ottiene il disco d'oro per aver superato le 30.000 copie vendute e la certificazione come disco di platino un anno più tardi.

Nel 2012 J-Ax è presente nell'album dei Two Fingerz con "Non capisco cosa vuoi", cantata insieme al gruppo e a Max Pezzali, fa parte dell'album dei Club Dogo Noi siamo il club. Durante gli MTV Days 2012 ha cantato insieme a Emis Killa, Marracash, Club Dogo il brano prodotto da Big Fish per la raccolta fondi per i terremotati dell'Emilia, intitolato Se il mondo fosse.

Al termine del Meglio Live Tour, il 6 ottobre 2012 J-Ax si ritira temporaneamente dalla scena musicale, affermando di aver bisogno di almeno un anno per "raccogliere nuove idee". 

A partire dal 2014, J-Ax prende il posto di Riccardo Cocciante come coach della seconda edizione del talent show The Voice of Italy. 

Nello stesso periodo, il rapper annuncia inoltre di aver concluso il contratto con la Best Sound e di aver creato una nuova etichetta discografica indipendente insieme a Fedez e denominata Newtopia. 

Dal 2016 inizia una collaborazione di successo con Fedez, dal singolo "Vorrei ma non posto" ad "Assenzio". Il loro primo album "Comunisti col Rolex" esce nel 2017 ed è subito trionfo.

"Con Fedez avevo un’affinità artistica. Mi sembrava e lo è, uno che voleva spaccare il sistema da dentro. Lui mi fece notare che dalla scrittura della canzone al video, facevamo tutto noi. Mi disse: 'Finanziamoci da soli le nostre idee'. E visto che ci pensavo da tempo, l'ho fatto. Ho provato a fare l’imprenditore con lui".

 

Post in evidenza

EUROPEI DI ATLETICA

TORTU BRONZO NEI 200 Filippo Tortu, attesissimo, trova il bronzo nei 200 con 20"27, dietro a Hughes e Mitchell-Blake. L'olimpionico...