lunedì 19 settembre 2022

ALIMENTAZIONE

ECCO COSA DEVI MANGIARE NEI CAMBI DI STAGIONE

di Sabrina Commis (fonte Gazzetta dello Sport)

Di cosa ha bisogno il nostro corpo nei cambi di stagione?  Tante vitamine: sono contenute in molti alimenti, e spesso è sufficiente seguire una dieta equilibrata per non creare avitaminosi, una condizione clinica di carenza.  "Se ci sono difficoltà a raggiungere i livelli minimi, è possibile ricorre a integratori specifici - spiega Romina Cervigni, biologa, nutrizionista. L’aggiunta è preferibile al mattino, così da avere un effetto tonico ed energizzante: in genere è meglio evitare l’assunzione serale per scongiurare insonnia e agitazione”.  Quali le più indicate in questo periodo? Vediamo cosa suggerisce l'esperta. La vitamina B6 è fra quelle più interessate nel metabolismo energetico: influenza l’assorbimento di proteine, acidi grassi e zuccheri, ne regola le riserve nel corpo. Contribuisce anche alla formazione di ormoni e di globuli rossi e bianchi: è fondamentale nel rinforzare le difese immunitarie, contro infezioni virali e batteriche. "In questo momento dell'anno la vitamina B6 aiuta a stimolare le funzioni cerebrali, e aiuta il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale. Facciamone scorta con pesce, carne bianca, spinaci, patate e legumi. Associandola a fonti alimentari ricche di zinco, basta un pugno di semi di zucca come spuntino, permette miglioramenti significativi di forza e dei livelli di energia".

La vitamina D rafforza il sistema immunitario, aiuta a diminuire i sintomi di stanchezza o debolezza muscolare, contribuisce a mantenere livelli ottimali di calcio nel sangue, fa bene ai reni e al sistema cardiovascolare. "In autunno aumentiamo l’assunzione di alimenti che ne contengano grandi quantità: pesci grassi, salmone, acciughe, sgombro, uova, fegato e funghi. Ne bastano 100 grammi al giorno per accrescere le scorte e migliorare lo stato di salute generale. Se carente, oltre a introdurla con cibi addizionati e integratori come l’olio di fegato di merluzzo, assicuriamoci un’adeguata esposizione al sole". La vitamina C è basilare in molte reazioni metaboliche da cui si ottengono aminoacidi, ormoni, collagene. "Assumere ogni giorno alimenti come arance, fragole, kiwi, spinaci, broccoli e peperoni aiuta a mantenere in ottimo stato i tessuti cutanei, prevenendo le rughe. Nei cambi di stagione aiuta a riattivare e rigenerare l'organismo e serve anche per affrontare al meglio stress e danni cellulari, contrastare piccoli disturbi causati dagli sbalzi di temperatura. Due kiwi al giorno ad esempio sono una fonte valida di questa preziosa vitamina che, con la sua spiccata capacità battericida, migliora la risposta del nostro organismo alle infezioni dei patogeni esterni". Non sempre è necessario assumere integratori addizionali di vitamina C: quando in eccesso, viene espulsa con le urine. Inutile l'integrazione. La vitamina E ha proprietà antiossidanti che influenzano il rinnovamento cellulare, proteggono dei danni da inquinamento esterno e sono benefiche per la pelle. "Assumiamo con regolarità olive, arachidi, semi di grano ma anche cereali, noci e verdure a foglia verde". La vitamina A è importante per lo sviluppo e il mantenimento di ossa e denti e concorre anch’essa per un efficace risposta immunitaria alle infezioni. Frutta fresca e verdure di colore rosso, giallo e arancione, zucche, carote, frutti di bosco, pomodori, ne racchiudono grandi quantità.



 

Post in evidenza

PREMIO NOBEL PER LA PACE

AL RUSDO BIALIATSKI ED ONG UCRAINA Il premio Nobel per la pace 2022 è stato assegnato al difensore dei diritti umani bielorusso Ales Bialiat...