mercoledì 28 settembre 2022

MOMIX

TORNA LA MAGIA DI ALICE

I Momix sbarcano a Milano per presentare "Alice", l’ultima creazione di Moses Pendleton. Lo spettacolo che arriva nel capoluogo lombardo dal 28 settembre al 16 ottobre Teatro Lirico Giorgio Gaber, è stato spostato a causa della pandemia di questi ultimi due anni (era atteso al Nazionale nel 2020) e ha debuttato nel 2019 al Teatro Olimpico di Roma con conseguente trionfale tournée italiana. Appuntamento imperdibile per gli amanti della danza e per gli storici appassionati della compagnia statunitense che manca da Milano dal 2015, in occasione dei 35 anni d’esistenza della compagnia, quando portò in scena una raccolta dei suoi momenti più brillanti e memorabili con "W Momix Forever". "Vedo Alice come un invito a inventare, a fantasticare, a sovvertire la nostra percezione del mondo, ad aprirsi all’impossibile. Il palcoscenico è il mio narghilè, il mio fungo, la mia tana del coniglio", ha spiegato il coreografo Moses Pendleton.

 Oggi la popolarissima compagnia statunitense Momix festeggia i suoi 42 anni sul palco dello storico Teatro Lirico Giorgio Gaber in uno spettacolo che si ispira ad "Alice nel paese delle meraviglie" di Lewis Caroll. La celebre fiaba è in realtà un pretesto e un’occasione per coinvolgere ed emozionare lo spettatore con visioni, magie di forme, colori e suoni che investono i sensi, accompagnando lo spettatore in un mondo fantastico nel quale poter finalmente dare libero sfogo alla fantasia e all’immaginazione. Moses Pendleton, direttore artistico di Momix, ha spiegato che "Alice nel Paese delle Meraviglie è nata come una favola raccontata alla bambina di dieci anni Alice e alle sue due sorelle nel corso di un'escursione fluviale da un timido professore di matematica dell'era vittoriana che si faceva chiamare Lewis Carroll. Più tardi, Carroll ha trascritto la storia e l’ha fatta illustrare da John Tenniel. Più di 150 anni dopo, molti dei bambini (e degli adulti) del mondo conoscono Alice e le sue avventure come se le avessero sognate loro stessi. La vera Alice ispirò Lewis Carroll a scrivere la sua fantastica storia di avventure sotterranee per lei quando aveva solo dieci anni. Quella piccola storia, interpretata da Alice stessa come una bambina curiosa in un universo assurdo, è un mondo pieno di fantasia e divertimento".

"Non intendo raccontare l'intera storia di Alice", racconta Moses Pendleton, "ma usarla come punto di partenza per dare libero sfogo all'invenzione. Sono curioso di vedere cosa succederà, e sto diventando sempre più curioso quanto più conosco Lewis Carroll, che,come me, era un appassionato fotografo". E continua, spiegando: "E' quindi comprensibile il perché penso che Alice sia una scelta naturale per Momix e un'opportunità per noi di scoprire fin dove arriva la nostra fantasia. Con questo spettacolo voglio raggiungere sentieri ancora inesplorati nella fusione di danza, luci, musica, costumi e proiezioni".

Dopo Milano, lo spettacolo sarà poi in tour a San Donà di Piave, Thiene e Napoli.

 

Post in evidenza

FUORIGIOCO SEMI AUTOMATICO

DA GENNAIO ANCHE IN SERIE A Ci siamo. Questa volta davvero. C’è chi avrebbe voluto che il fuorigioco semiautomatico fosse partito prima. Ma ...