martedì 3 gennaio 2023

RINCARI OVUNQUE

DOPO BENZINA ED AUTOSTRADE ORA TOCCA AI BUS E ALLA METRO🤦

Dopo l'aumento dei pedaggi autostradali e della benzina scattano i rincari anche nel trasporto pubblico locale, col ritocco al rialzo del prezzo dei biglietti per bus e metro. Nel dettaglio, secondo quanto rileva Assoutenti, a Napoli il ticket è già salito da qualche mese da 1 euro a 1,20 euro; a Milano dal 9 gennaio costerà 2,20 euro, con un aumento di 20 centesimi. 

A Parma il rincaro è di 10 centesimi con il costo del biglietto di corsa semplice che passa da 1,50 euro a 1,60 euro. A Roma +33% ad agosto A Ferrara il costo dei bus passa da 1,30 a 1,50 euro, mentre a Foggia da marzo il biglietto semplice costerà 1 euro (+10 cent). A Roma, poi, da agosto 2023 il prezzo schizzerà dagli attuali 1,50 euro a 2 euro, con un incremento del 33%.

Assoutenti: "Rincari del tutto ingiusti" "Sui trasporti gli italiani andranno incontro a una vera e propria stangata nel corso del 2023", afferma il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi. "La cosa peggiore è che si tratta di rincari del tutto ingiusti, con i consumatori chiamati a pagare il conto della crisi economica in atto", sottolinea il presidente, spiegando quindi che "la scelta del governo Meloni di non prorogare il taglio delle accise è sbagliata, perché gli aumenti dei listini alla pompa produrranno rincari a cascata per beni e servizi in tutti i settori". L'attacco del Codacons E infatti il Codacons, mettendo in fila i rincari di prezzi e tariffe, stima una stangata di +2.435 euro a famiglia per l'anno che si è appena aperto. "Cifra che non tiene conto dei possibili aumenti delle bollette di luce e gas", avverte l'associazione dei consumatori. 

 

Post in evidenza

LE MAGNIFICHE 10 SPEZIE CONTRO I MALANNI DI STAGIONE

ECCO QUALI SONO Super preziose, le spezie sono ottime alleate della salute e del benessere, soprattutto nella cattiva stagione. Perfette per...