lunedì 27 febbraio 2023

COPPA ITALIA PALLANUOTO

ENNESIMO TRIONFO RECCO

di Franco Carrella (fonte Gazzetta dello Sport)

È Pro Recco per la decima volta di fila. Pronostico rispettato, ma a Genova va in archivio una finale combattuta: “Onore ai nostri avversari, che giocavano senza pressioni e sono stati encomiabili. Però nell’arco delle tre giornate di gara abbiamo dimostrato di essere i migliori, ed è un successo meritato. Bello festeggiare in una piscina piena, con una grande atmosfera” commenta il tecnico Sandro Sukno ai microfoni di RaiSport dopo il 12-8 con cui i campioni d’Europa battono l’Ortigia, stoica anche perché costretta da tempo a fare i conti con irritanti problemi impiantistici.

È la Coppa Italia numero 17 per i liguri, di nuovo sul podio più alto nonostante i tanti errori in superiorità numerica (4 gol su 12 occasioni). Nelle precedenti otto edizioni, i recchesi avevano piegato i soliti rivali del Brescia, sorpresi stavolta in semifinale dall’Ortigia, sorretta da una difesa sontuosa e da un immenso Tempesti.

EMOZIONI—   Sembra una sfida già decisa dopo 13’, quando i biancocelesti volano sul 6-2 trascinati da uno scatenato Aicardi ai due metri, ma i siciliani si rifanno sotto anche grazie a un guizzante Cassia, autore di una tripletta nel terzo quarto che manda le squadre sull’8-7 all’ultimo intervallo e costringe Sukno a inserire Negri al posto di Del Lungo tra i pali. Qui vengono fuori i veterani della Pro Recco: le reti di Ivovic, Echenique, Di Fulvio e Younger, inframmezzate dal rigore di Ferrero, valgono il 12-8 conclusivo del trofeo targato UnipolSai, tra qualche scintilla controllata dagli arbitri (espulsi Zalanki e Rossi per reciproche scorrettezze).

Gli applausi vanno dunque anche all’Ortigia - davanti al c.t. Campagna, che dei siracusani fu una bandiera – estremamente attenta a non subire controfughe, per il legittimo orgoglio del tecnico Stefano Piccardo: “È una soddisfazione enorme essere arrivati in finale. Con radici lontane: penso a cinque anni fa, quando abbiamo cominciato questo progetto crescendo i giovani che oggi sono pedine fondamentali. E’ stata una prova monumentale contro i più forti”.

 

Post in evidenza

FOOTBALL PLAYERS SPEICIAL ONE

DOPO FROSINONE ANCJE CON LA CAVESE. SARÀ UN MESE DI GIUGNO PREGNO DI APPUNTAMENTI  Altra possibilità che verrà concessa ai facenti parte del...