venerdì 10 marzo 2023

GRAN BRETAGNA

SERVE UN VISTO A PAGAMENTO PER ENTRARE

L’effetto Brexit si fa sentire in Gran Bretagna non solo per le difficoltà economiche che il Paese sta attraversando, ma anche per le questioni burocratiche a esso connesse. Come la necessità di un visto d’entrata, anche per periodi brevi, che sarà operativo nel 2024 e che sarà a pagamento. E’ quanto si legge sul sito del governo britannico. Si tratterà della registrazione al sistema ETA ossia l’Electronic Travel Authorization a pagamento. Ancora non è stato deciso quanto costerà e per quanto riguarda i tempi nel corso del 2024 dovrebbe essere pienamente operativo.

L’obbligo del visto

Servirà a tutti gli stranieri, europei compresi, adulti e bambini, per entrare nel territorio britannico sia per turismo che per lavoro, anche per brevi periodi. La domanda si potrà fare on line e dovrà essere approvata dalle autorità del Regno Unito. Un ‘sì’ che, si legge sul sito del governo britannico, arriverà in pochi giorni o addirittura qualche ora via e-mail. Dovrà, quindi, essere presentata insieme al passaporto al momento del passaggio al confine. I viaggiatori non possono rimanere nel Regno Unito dopo la scadenza dell’autorizzazione e possono svolgere solo attività consentite dall’ETA mentre si trovano in Gran Bretagna.

I viaggi last minute

Con il programma ETA, si legge sul sito ufficiale, le forze dell’ordine britanniche potranno prevenire e combattere meglio reati gravi come il furto di identità e il controllo dei documenti automatizzato sarà più veloce. I brevi tempi di elaborazione, aggiungono, consentono anche agli italiani di pianificare viaggi last minute in quanto possono presentare domanda solo pochi giorni prima della partenza.

 

Post in evidenza

PARIGI 2024

UNA COLLEZIONE DI OROLOGI CELEBRA I GIOCHI OLIMPICI  Una collezione di orologi dedicata ai valori universali dello sport. Non poteva che ess...