martedì 18 aprile 2023

IL FANTASMA DELL’OPERA CHIUDE A BROADWAY DOPO 35 ANNI

LLOYD DEDICA LO SPETTACOLO AL FIGLIO MORTO

“Il Fantasma dell'Opera" chiude a Broadway dopo 35 anni e Andrew Lloyd Webber dedica l'ultimo spettacolo al figlio morto. Sul palco il compositore premio Oscar ha detto: “Spero non vi dispiaccia se dedico questa performance a mio figlio... Quando era un ragazzino, ha sentito un po' di questa musica". Il sipario si è quindi chiuso sulla produzione newyorkese più longeva di Broadway. che ha segnato la replica numero 13.981, è stato visto da 20 milioni di persone e ha incassato oltre 1,4 miliardi di dollari. 

Il musical, appuntamento fisso del celebre distretto newyorkese fin dal 26 gennaio 1988, ha resistito a recessioni, guerre, cambiamenti culturali e terrorismo ma, dopo 35 anni, esce dal calendario in seguito alle difficoltà causate del Covid-19 a causa dei suoi costi elevati, tra scenografie e costumi elaborati e un cast e un'orchestra numerosa. La produzione stima di aver impiegato 6.500 persone, inclusi 450 attori, nel corso degli anni.L'ultima replica dello spettacolo tratto dal romanzo di Gaston Leroux, in scena al Majestic Theatre, con la presenza di alcuni componenti del cast originale come Sarah Brightman, è stata accompagnata da una standing ovation fragorosa, con brindisi finale e coriandoli d 'oro.

La dedica al figlio  Andrew Lloyd Webber è salito sul palco per ultimo in abito nero e cravatta nera e ha dedicato lo spettacolo finale a suo figlio, Nick, morto il mese scorso dopo una lunga battaglia contro il cancro gastrico e la polmonite. Aveva 43 anni. Sarah Brightman, che è stata anche moglie di Webber, tenendogli la mano, ha concordato: "Quando Andrew lo stava scrivendo, era proprio lì. Quindi suo figlio è con noi. Nick, ti ​​vogliamo tanto bene".

Un possibile ritorno  Il produttore Cameron Mackintosh ha voluto dare tuttavia al pubblico la speranza di rivedere "Il Fantasma", e forse prima di quanto si possa pensare: "L'unica domanda che continuo a farmi fare ancora e ancora: il Fantasma tornerà? Essendo un produttore da oltre 55 anni, ho visto tornare tutti i grandi musical e 'Phantom' è uno dei più grandi", ha detto. "Quindi è solo una questione di tempo.”

Lo spettacolo di domenica ha mostrato quanto "Phantom" sia uno spettacolo fuori passo con il resto di Broadway, per i costi elevati che un cast così numeroso e scenografie e costumi così costosi rappresentano, ma anche quanto possa essere glorioso un musical così "esagerato": "Se mai ci fosse stato il botto, usciremo con il botto. Sarà una serata fantastica", ha detto John Riddle poco prima di precipitarsi dentro per interpretare Raoul per l'ultima volta.

"Il Fantasma dell'Opera"  Basato su un romanzo di Gaston Leroux, pubblicato nel 1908, "Phantom" racconta la storia di un compositore deforme che infesta il Teatro dell'Opera di Parigi e si innamora perdutamente di una giovane soprano innocente, Christine.  La parte della protagonista Christine fu scritta appositamente per la moglie Sarah Brightman che impersonò lo stesso ruolo anche nella produzione di Broadway l'anno successivo. Il regista fu lo stesso di Evita (Harold Prince) mentre per i testi e il libretto collaborarono Charles Hart, Richard Stilgoe e lo stesso Lloyd Webber.

In questo spettacolo la musica di Lloyd Webber è a tratti operistica ma mantiene la struttura di un musical. I personaggi principali (tra cui il fantasma) cantano più spesso nel modo diretto e "naturale" della musica moderna mentre le più "decorative" arie operistiche sono riservate ai comprimari. Malgrado le critiche contrastanti, lo spettacolo, che debuttò a Londra nel 1986, divenne subito un successo strepitoso. 

Il romanzo è in parte ispirato da eventi storici all'Opera di Parigi durante il diciannovesimo secolo e in parte da un racconto apocrifo riguardante l'uso dello scheletro di un ex allievo di balletto nella produzione del 1841 di Der Freischütz di Carl Maria von Weber.

È stato trasposto con successo in vari adattamenti sia cinematografici che teatrali, i più importanti dei quali sono la rappresentazione del film del 1925 con Lon Chaney e il musical del 1986 di Andrew Lloyd Webber.

Andrew Lloyd Webber  I suoi musical più famosi sono: "Jesus Christ Superstar", "Evita", "Cats", "The Phantom of the Opera" e "Sunset Boulevard". Ha composto in totale 17 musical, una raccolta di canzoni, un insieme di variazioni, due colonne sonore e una messa da requiem. Ha ricevuto numerosi premi ed onorificenze, tra cui un titolo di cavaliere nel 1992 (per poi diventare pari a vita), 3 Tony Award, 3 Grammy Award, un premio Oscar, un Golden Globe, un premio Emmy e sei premi Laurence Olivier (i premi del teatro inglese). L'aver vinto i premi Tony, Grammy, Oscar e Emmy fa di lui un EGOT.

 

Post in evidenza

“PEAKY BRINDERS”

LA SERIE TV a cura di Luana Di Carlo  I “Peaky Brinders”,  serie tv che racconta una storia immaginaria, erano una banda criminale urbana at...