mercoledì 3 marzo 2021

"CORNUTO E MAZZIATO"

QUANDO UN DOCENTE DIMOSTRA LA SUA IGNORANZA 

Teorie complottiste diffuse sui social, riferimenti al Fascismo davanti ai suoi alunni e rifiuto di indossare la mascherina in aula. Questo il profilo di un docente del liceo di Scienze applicate Fermi di Mantova, in Lombardia, raggiunto dai carabinieri proprio a scuola e multato per violazione delle norme anti-Covid. A chiamare le forze dell'ordine è stata la dirigente dell'istituto. Come racconta Il Corriere della Sera, Mauro Mortara, insegnante di Storia e Filosofia, non indossava mai la mascherina in classe perché, a suo dire, "l’obbligo di coprire naso e bocca è paragonabile alle leggi razziali del Ventennio fascista". Ma non solo. Il professore si vantava con i suoi alunni di non essere stato multato durante una gita a Milano, in cui non ha mai utilizzato il dispositivo di protezione.

Questa volta, però, non gli è andata così bene. Martedì 2 marzo la preside è entrata nell’aula dove Mortara stava facendo lezione e lo ha trovato senza mascherina. Dopo avergli chiesto più di una volta, ma invano, di indossarla, la dirigente si è rivolta ai carabinieri. Arrivati nell'istituto, i militari hanno prima invitato il docente a rispettare le regole e poi lo hanno multato. Nonostante la sanzione, però, il docente ha continuato la lezione senza coprire naso e bocca. Il professore non espone le sue teorie solo in classe. Sulla bacheca Facebook di Mortara si possono trovare diversi post con tesi complottiste, contestazione dei numeri della pandemia e posizioni a dir poco contestabili sui vaccini.

 

Post in evidenza

ITALIA IN RIMONTA SULL’ALBANIA

BUONA LA PRIMA Albanesi avanti dopo 23", il pareggio all'11', il vantaggio azzurro 5' dopo. Nell'altra gara del girone ...