sabato 10 aprile 2021

STRETCHING

LA POSIZIONE DELLA PINZA DA' SOLLIEVO ALLA COLONNA VERTEBRALE

di Sabrina Commis

È uno degli esercizi più conosciuti e efficaci dello stretching , Milane Taboada, massoterapista e trainer ci spiega la corretta esecuzione e i tanti benefici. Come eseguirlo. “Siediti a terra, glutei ben in appoggio, schiena dritta, sguardo alto, distendi le gambe in avanti, parallele, vicine, con le mani a contatto delle gambe e i piedi a martello. Tenendo sempre la colonna dritta, inizia a flettere il busto in avanti, facendo scivolare le mani sulle gambe, avvicinando gradualmente l’addome verso le cosce, afferrando le punte dei piedi. Mantieni la posizione per 30secondi, torna nella situazione iniziale, fai una breve pausa e ripeti per 6 volte. Nessuna forzatura: l’allungamento deve essere progressivo, con controllo totale sulla respirazione : profonda, rilassata, mai in apnea. Se eseguito in modo corretto, questo esercizio favorisce la completa mobilità, coinvolge vasi sanguigni e nervi, produce effetti positivi su tutto l’apparato locomotore”.

Posizione della testa. Fondamentale: il capo guida il movimento. Bisogna mantenerlo sempre allineato alla colonna, dirigendo lievemente il mento verso il petto, lasciando la bocca rilassata per agevolare l’esecuzione. E mai fissare le ginocchia: lo sguardo deve essere sempre in avanti.

...delle braccia. Devono essere sempre ben distese, con le mani appoggiate sulle punte dei piedi. Se si ha poca scioltezza di bacino e schiena, e non si riesce a toccare le punte, basta fermarsi un po’ prima, con le mani all’altezza delle caviglie o delle tibie. L’esercizio sarà ugualmente corretto ed efficace.

…della schiena. Sempre allineata, mai incurvata con l’attivazione dell’addome durante la flessione: la colonna non deve arrotondarsi troppo, la curva a C della schiena deve rimanere fluida. Spingi il bacino leggermente verso il dietro come a voler scivolare con i glutei al suolo: così puoi portare la schiena più in avanti e avere più flessione senza forzare la posizione.

...delle gambe. Parallele e vicine con le ginocchia distese, ma non super estese. Mantenere i piedi diritti con i talloni appoggiati al suolo e le punte dei piedi rivolte verso l'alto. E tenere la posizione di flessione dei piedi per tutta la durata dell'esercizio.

...E tanti benefici. Non solo fisici, ma anche psichici: fatto in modo costante, questo esercizio allontana gli stati d’ansia, di tensione, decongestiona gli organi interni, aiuta a diminuire i problemi genito-urinari, contrasta gli stati di insonnia,

 

Post in evidenza

VOLLEY MASCHILE

SUPERCOPPA A TRENTO. MONZA SCONFITTA di Gian Luca Pasini (fonte Gazzetta dello Sport) E dopo 3 anni abbondanti di astinenza (quasi 1000 gior...