giovedì 24 giugno 2021

STORIA COMMOVENTE

IL GATTO CHE NON SI SEPARA MAI DAL SUO PELOUCHE

“Matilda è una forza della natura”: così Ashely Kelley definisce una micetta speciale nell’intervista per il magazine online boredpanda.com. La storia di Matilda Beans, in effetti, ha qualcosa davvero di unico e sa di resistenza, coraggio e amore. Il felino, infatti, è nato con diverse malattie a partire da un’infezione alle vie respiratorie che l’ha reso particolarmente vulnerabile. Così, mentre il resto dei cuccioli suoi fratelli cresceva in salute, Matilda aveva sempre più problemi.

Per questo, l’intervento di Ashley è stato provvidenziale per guarire la micetta che, durante le cure, ha trovato anche un amico speciale. Si tratta di un piccolo peluche dal quale Matilda è diventata assolutamente inseparabile. “[È] una storia d’amore – racconta la donna al sito – Ho incontrato Matilda a nove giorni, faceva parte di una cucciolata ed era malata. Era la più piccola e l’infezione l’ha colpita molto duramente”. Vedendo la micetta in situazione quasi disperata, la Kelley è ricorsa a tutti gli strumenti a sua disposizione per salvarle la vita. Grazie all’attrezzatura per terapia intensiva con cui Ashely lavora a domicilio (in particolare un’incubatrice, ossigeno, nebulizzatore e farmaci vari), la piccola Matilda è stata curata con tutto l’amore possibile. Oltre all’infezione con cui era nata, però, è subentrata anche una grave ulcera corneale e una polmonite. Insomma, le condizioni di Matilda erano disperate tanto da valutare anche una possibile eutanasia. Ma né Ashley né la micetta avevano intenzione di arrendersi senza lottare: dopo un mese di ossigenoterapia, antibiotici e cure, Matilda ha iniziato a migliorare sensibilmente. Ma se c’è una cosa che è rimasta stabile è il legame con il suo preziosissimo peluche Lamby Beans. La gattina è socievole, giocosa e – assicura Ashley – dimostra un grande entusiasmo esattamente come fosse un bambino iperattivo.

 

Post in evidenza

VOLLEY MASCHILE

SUPERCOPPA A TRENTO. MONZA SCONFITTA di Gian Luca Pasini (fonte Gazzetta dello Sport) E dopo 3 anni abbondanti di astinenza (quasi 1000 gior...