giovedì 7 ottobre 2021

CLAMOROSO AD AVELLINO

BRAGLIA ALLA FINE RIMANE

di Sebastian Donzella (fonte A tutto C)

Una sfiducia che sembrava certa. Poi il dietrofront. Ad Avellino, quest'oggi, si sono consumati un colpo di scena dietro l'altro. In mattinata Piero Braglia era a un passo dall'esonero, con la società che stava per tesserare Vincenzo Vivarini. Ma non l'ha fatto, scegliendo a sorpresa di non cambiare guida tecnica. A risolvere il giallo è stato il direttore Salvatore Di Somma che, in conferenza stampa, ha spiegato: "Sono venuti dei ragazzi a parlare col presidente: loro sono legati all'allenatore, specialmente quelli dell'anno scorso che hanno fatto con lui una cavalcata bellissima. Ci hanno chiesto quale era la posizione del mister e che per il rapporto che avevano con lui si sentivano in difficoltà, sapevano di essere i responsabili e hanno cercato di aiutare chiedendo di tenere Braglia. Loro sono convinti e determinati che ci sarà una svolta con Braglia". 

Una scelta che, però, non è andata giù al tifo organizzato irpino. Che, con un comunicato di fuoco, si è scagliato contro presidente, direttore, allenatore e quei cinque calciatori che hanno chiesto e ottenuto la permanenza di Braglia. La Curva Sud, con termini censurabili, ha reso noto che avrebbe voluto vedere in tribuna quei calciatori, con in campo un nuovo mister e un nuovo direttore sportivo. Così non è stato. E così la caccia al primo posto, ad Avellino, si sta trasformando sempre più in una caccia, si spera solo sportivamente parlando, all'uomo.

 

Post in evidenza

CINEMA IN LUTTO

MORTA OLIVIA NEWTON  L'attrice Olivia Newton-John è morta all'età di 73 anni. Lo ha annunciato il marito, John Easterling, in una no...