sabato 15 gennaio 2022

STATO SENZA ATTRIBUTI

ECCO COSA E' SUCCESSO ALL'HUB VACCINALE DI ROMA

Obbligata a vaccinarsi per volontà del governo, che ha reso necessaria la somministrazione per tutta la popolazione italiana over 50, una donna si è presentata al centro vaccinale di Cesa in via Alvaro, a Roma, per sottoporsi all’inoculazione come da prassi. Quando è arrivato il suo turno, ha aggiunto però a penna, sul modulo del consenso informato: ” Non liberando lo Stato italiano, che mi obbliga a questa vaccinazione, da ogni eventuale avversità, malattia derivante, o qualsiasi effetto indesiderato ne derivasse”. Una frase che ha spinto i medici a negarle l’inoculazione.

Sembrerebbe una barzelletta e invece l’episodio è realmente andato in scena in queste ore nella capitale. I medici si sono accorti della postilla scritta a penna dalla signora e, come raccontato da Rai News, si sono a quel punto rifiutati di procedere con la somministrazione del vaccino. Scrivendo, a loro volta: “Si prende visione della postilla inserita dalla paziente e non si acconsente alla vaccinazione sulla base di quanto riportato e scritto. Si comunica alla paziente che si potrà procedere alla vaccinazione solo previa firma del consenso informato”.


 

Post in evidenza

PREMIER LEAGUE

TRIONFA COL BRIVIDO IL CITY Successo in rimonta sull'Aston Villa nell'ultima giornata (0-2 al 76’) con doppietta di Gundogan. Al Liv...