martedì 5 aprile 2022

STATO E GIUSTIZIA ALLO SBANDO

GLI ALUNNI IMBRATTANO I BAGNI DI FECI, LA MAESTRA LI SGRIDA, I GENITORI LA DENUNCIANO. CONDANNATA A 50 GIORNI DI RECLUSIONE.

(tratto da Orizzonte Scuola)

Dopo che una collaboratrice scolastica si era lamentata delle condizioni dei bagni imbrattati di feci, la maestra ha redarguito gli alunni che, all’epoca, frequentavano la quinta classe di una scuola primaria di un istituto comprensivo della provincia di Parma dove la docente era stata chiamata per una supplenza. Dopo i richiami fatti agli scolari, alcuni genitori l’hanno denunciata. La donna, che è finita a giudizio per “abuso di mezzi di correzione”, ha avuto la “magra consolazione” che anche l’accusa ne chiedesse l’assoluzione di fronte all’evidente irrilevanza penale della contestazione. Non è stato dello stesso avviso, però, il giudice che l’ha condannata. La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, tramite il suo coordinatore Salvatore Pizzo, auspica che l’insegnante “scelga di ricorrere nei successivi gradi di giudizio e ancora una volta rivendica che le autorità preposte non procedano solo e sempre a carico degli insegnanti, anche in questo caso pare che nessuno abbia agito per l’evidente ‘colpa in educando’ contro i genitori”. “La ‘colpa in educando’ è ben richiamata non solo nel Codice Civile (art. 2048), ma anche nella Costituzione (art.30). Non si è mai vista un’amministrazione pubblica essere così reticente di fronte a fatti evidenti. Troppo comodo scaricare tutto sui docenti”, si legge in una nota del sindacato.



 

Post in evidenza

LIGUE 2

AJACCIO “CORTO MUSO” ALLA FRANCESE La squadra di Pantaloni ha realizzato 39 reti in 38 giornate, undicesimo attacco del campionato, ma sono ...