lunedì 2 maggio 2022

VINO O BIRRA?

ECCO COSA CI CONSIGLIA LA SCIENZA

di Eugenio Spagnuolo (fonte Gazzetta dello Sport)

Vino bianco, vino rosso o birra e altri alcolici? Chi li apprezza ne fa più che altro una questione di gusti. Ma - secondo gli scienziati - non dovrebbe dipendere solo da quello: uno studio dell’Iowa State University (USA) afferma infatti che la scelta del calice che accompagna la nostra cena (o l'aperitivo) ha effetti diversi sul corpo. Dunque, assodato che alcol e salute vanno poco d’accordo e il consumo modico è sempre preferibile, qual è la scelta migliore?

VINO BIANCO, VINO ROSSO O BIRRA?— Per i ricercatori, la risposta alla domanda vino o birra è che il vino è un'opzione migliore. Bere birra o altri alcolici (e super alcolici) avrebbe come conseguenza livelli più elevati di grasso viscerale, che secondo i medici aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiache e altre complicazioni. Il grasso viscerale, che non va confuso col grasso che si accumula sotto la pelle (grasso sottocutaneo), è infatti un tipo di tessuto più subdolo che avvolge gli organi addominali e si rivela più difficile da eliminare. Lo studio su quasi 1.900 adulti di età compresa tra 40 e 80 anni ha rilevato che il consumo di vino non genera lo stesso dannoso accumulo di grasso viscerale a cui invece sarebbero associati “maggiori consumi di birra/alcolici”. “Ogni drink contiene nutrienti specifici e profili e percentuali di alcol diverse”, si legge . “Pertanto, una preferenza per un tipo di alcol, a lungo termine, potrebbe contribuire a influenzare in modo diverso la nostra composizione corporea. Ad esempio, un maggiore consumo di birra e alcolici è stato correlato a un rapporto vita-fianchi più elevato. Al contrario, il vino non ha mostrato nessuna associazione con il rapporto vita-fianchi”.

Birra dopo lo sport: si può bere o fa male?

ALCOL E GRASSO ADDOMINALE—Secondo gli autori dello studio, oltre a non influenzare la crescita del grasso viscerale nel corpo, il vino sembrerebbe anche fornire ulteriori benefici per la salute: quello rosso è ricco di polifenoli, mentre quello bianco (sempre in quantità modiche), sembrerebbe legato a ossa più forti. I bevitori più anziani che consumavano vino bianco con moderazione avevano infatti una densità minerale ossea maggiore rispetto a quelli che sceglievano vino rosso o birra. “L'invecchiamento è spesso accompagnato da un aumento del grasso che si riflette su un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, nonché da una riduzione della densità minerale ossea. Ciò ha importanti implicazioni per la salute, dato che quasi il 75% degli adulti negli Stati Uniti è considerato sovrappeso o obeso", scrive l'autrice dello studio Brittany Larsen. Per correttezza, il team ammette che i fattori biologici e ambientali che contribuiscono all'aumento di peso sono molteplici. L'alcol è solo uno di questi. Tuttavia, diversi studi dimostrano che è una delle cause principali dello sviluppo del grasso viscerale, insieme a una dieta scorretta e a uno stile di vita sedentario.

L'ALCOL FA BENE O MALE?—Attenzione: lo studio americano non è un invito a darsi ai baccanali e bere vino a volontà. I ricercatori precisano che l'intero quadro dei benefici o degli svantaggi dell'alcol infatti non è ancora chiaro. "Una delle ragioni delle incongruenze nella letteratura scientifica potrebbe derivare dal fatto che gran parte della ricerca in passato ha trattato l'alcol come un'entità singola piuttosto che misurare separatamente gli effetti di birra, sidro, vino rosso, vino bianco, Champagne e alcolici", spiega Larsen. Mentre alcuni studi hanno scoperto che anche bere un solo bicchiere di alcol rimpicciolisce il cervello, altri hanno scoperto che modiche quantità di vino rosso hanno dei benefici che vanno dal miglioramento della salute dell'intestino alla riduzione del rischio di diabete. Per provare a dire una parola definitiva sull’argomento, il team dell'Iowa intende ora esaminare come diversi tipi di consumo di alcol influenzino l'insorgenza di malattie malattia e il deterioramento cognitivo tra gli anziani. La risposta alla domanda se l'alcol (e quanto) fa bene o male alla salute, per ora, insomma, è rimandata…

 

Post in evidenza

ADDIO A

NICK BOLLETTIERI Si poteva amarlo o disdegnarne i metodi, e per tanti ragazzi che sono passati da lui forse la seconda opzione è stata la pi...