domenica 17 luglio 2022

MONDIALI SCHERMA

DOMANI PARTE LA MANIFESTAZIONE 

di Andrea Tosi (fonte Gazzetta dello sport) 

Scattano domani, dopo le fasi preliminare esaurite oggi, i tabelloni principali individuali dei Mondiali del Cairo dove la rappresentativa azzurra porta 25 schermidori per ripetere il bottino dei recenti Europei di Antalya dove sono arrivate 14 medaglie con 4 ori. Peraltro questa rassegna iridata deve rappresentare per la scherma italiana un sorta di redenzione visto che in quella precedente (Budapest 2019) non sono arrivati ori così come ai Giochi di Tokyo.

LA RIVOLUZIONE—Ma nel frattempo molto è cambiato negli assetti tecnici e anche tra gli atleti, con facce nuove e ritorni, vedi il c.t. Stefano Cerioni che ha ridato slancio al fioretto, l’arma che storicamente ha portato i maggiori successi all’Italia. Gli altri c.t sono Dario Chiadò per la spada e Nicola Zanotti per la sciabola. Intanto dalle fasi preliminari sono stati promossi tutti i 6 azzurri e azzurre (da ultimo le sciabolatrici Passaro e Battiston) così avremo in pedana per le medaglie l’en plein di 24 atleti (in totale sono 25 perché il fioretto maschile schiera Giorgio Avola solo nell’individuale e il jolly Guillaume Bianchi solo per la gara a squadre).

IL PROGRAMMA—   Domani mattina il programma prevede gli assalti della spada femminile e della sciabola maschile individuali. Subito in pedana Rossella Fiamingo, lady Paltrinieri, due volte mondiale nel 2014 e 2015 che come tanti colleghi chiede a questa edizione d’Egitto un riscatto; come outsider vanno seguite Mara Navarria, iridata nel 2018, e la 22enne Federica Isola che sta scalando il ranking. Nella sciabola ecco Luigi Samele, argento a Tokyo, assente agli Europei per infortunio. Nel fioretto (martedì 19 le donne, mercoledì 20 gli uomini) l’Italia cala i suoi assi con la coppia Alice Volpi-Daniele Garozzo. Fidanzati e plurimedagliati, entrambi numero 2 del ranking, cercano l’oro: Volpi per ripetere l’impresa del 2018, Garozzo per completare il suo Grande Slam. Il 30enne di Acireale è olimpionico e campione europeo, nella sua bacheca da sogno manca solo il mondiale. Ma Garozzo deve guardarsi dall’astro emergente Tommaso Marini, 22 anni, argento agli Europei nel duello finale. La rivincita è scritta. Poi Giorgio Avola, bronzo in Turchia, può essere il terzo incomodo Sempre martedì 19 c’è la spada maschile con Andrea Santarelli, 4° a Tokyo, che può fare il colpo a sorpresa. Da giovedì 21 a sabato 23 tocca alle gare a squadre. In tutte le armi l’Italia può andare a podio, col fioretto che ha tutto per salire sul gradino più alto con entrambi i quartetti.

 

Post in evidenza

PENSIERO SERALE

POST MUTO ✅✅✅✅✅✅✅✅✅💯💯💯💯💯💯💯💯💯💯⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️⚽️👏👏👏👏👏👏👏👏